Dopo aver festeggiato il quattromilionesimo cilindro ConAct Release prodotto, Zf ha prodotto il suo milionesimo Akc, una grande conferma per questo sistema di sterzo dell’asse posteriore. “Continuiamo a vedere un forte aumento della domanda per i nostri sistemi sterzanti attivi dell’asse posteriore”, afferma Peter Holdmann, responsabile della Car Chassis Technology Division di Zf,perché la tecnologia offre vantaggi decisivi in ​​termini di sfide della mobilità moderna”.

Con lo sterzo dell’asse posteriore Akc, l’angolo di convergenza delle ruote posteriori può essere modificato e ciò si traduce in funzioni di sterzata migliorate. Sterzando le ruote posteriori in senso inverso alle basse velocità, si aumenta la manovrabilità in fase di parcheggio e nel traffico cittadino. Il raggio di sterzata del veicolo è ridotto fino al dieci per cento, facilitando la manovra della vettura. A sua volta sterzare le ruote posteriori nella stessa direzione stabilizza il veicolo a velocità superiori a partire da circa 60 km/h, soprattutto durante le manovre evasive e di cambio corsia.

Boom della mobilità elettrica come motore di crescita

La trasformazione del settore verso l’elettromobilità aumenterà ulteriormente la domanda di sterzo dell’asse posteriore perché anche i veicoli a batteria (Bev) beneficeranno della tecnologia. Poiché la batteria è solitamente posizionata tra gli assi nelle autovetture elettrificate, di solito queste hanno un passo più lungo. Ciò ha un effetto negativo sull’agilità e sul raggio di sterzata del veicolo. “Questo effetto è particolarmente evidente in ambienti urbani e in situazioni di parcheggio”, spiega Holdmann. “Qui, il nostro asse posteriore sterzante è un’ottima soluzione per garantire a questi veicoli facilità di manovra. Inoltre, i passeggeri beneficiano di una maggiore stabilità e sicurezza grazie allo sterzo nella stessa direzione a velocità più elevate”.

Pronti per la mobilità del futuro con la seconda generazione di Akc

Con la seconda generazione di Akc, lanciata nel 2020, anche i Suv e le berline di lusso raggiungono una manovrabilità simile a quella di veicoli significativamente più compatti. Una forza di azionamento di 11 kilonewton consente a veicoli fino a 3,5 tonnellate di peso di utilizzare questa tecnologia. Grazie a queste prestazioni e alle sue proprietà del sistema “steer-by-wire”, l’attuale versione del sistema di sterzo dell’asse posteriore è ideale per le esigenze di mobilità automatizzata ed elettrificata.

A seconda delle esigenze e dello spazio di installazione disponibile, Zf offre ai produttori il sistema Akc, prodotto nello stabilimento austriaco Zf di Lebring, in due varianti: con architettura a doppio attuatore o con attuatore centrale. Ogni ruota viene sterzata individualmente da un attuatore separato durante l’installazione di doppi attuatori. Questa variante è ideale per le auto sportive perché consente di risparmiare prezioso spazio di installazione nella parte centrale dell’asse posteriore. La variante con attuatore centrale è posizionata al centro dell’assale con un attuatore più grande; è installato principalmente su berline, pick-up o Suv. Al momento è in fase di lancio sul mercato la produzione di una variante di attuatore centrale per un pick-up alimentato solo da energia elettrica di un cliente nordamericano.

In primo piano

John Deere e Rama Motori

L'ultra-trentennale sodalizio tra John Deere e Rama Motori si arricchisce del potenziamento di gamma, in ragion del 18 litri, Diesel of the year

Se il diesel inquina meno…

Vi presentiamo uno studio accurato che rilancia le quotazioni del gasolio. Transizione energetica dei Classe II, passare al gas mantenendo una quota di diesel di ultima generazione può generare meno emissioni di una consacrazione rapida dell’Lng. Il Politecnico di Milano ha studiato gli indirizzi pe...

Articoli correlati

Punch Softronix

Punch Softronix sorgerà sulle orme del dipartimento Controls e si focalizzerà sull'elettronica

Dotto Trains conferma la collaborazione con Allison

Per il nuovo Big Boy, Dotto Trains sceglie ancora una volta la trasmissione completamente automatica Allison. Oggi, l’azienda di Castelfranco Veneto (Tv) è affermata a livello internazionale nella produzione di trenini turistici