Wärtsilä avvia due progetti in Africa, uno in Senegal e uno in Nigeria, eccoli in dettaglio.

Primo progetto di Wärtsilä in Africa

Wärtsilä convertirà la centrale elettrica Bel-Air di quasi 90 MW a Dakar, in Senegal, per operare con gas naturale liquefatto (Gnl). L’impianto, che è di proprietà di Senelec, la società di servizi pubblici del Senegal, funziona attualmente con olio combustibile pesante. La conversione renderà l’impianto a ‘prova di futuro’, dato che la strategia a lungo termine del Senegal è di abbassare l’impronta di carbonio della produzione di energia passando al gas quando è disponibile una fornitura interna.

I sei motori Wärtsilä 46 esistenti nell’impianto di Bel-Air saranno convertiti in sei motori dual-fuel Wärtsilä 50DF. La tecnologia dei motori dual-fuel di Wärtsilä permette l’uso di più combustibili, fornendo l’opzione di operare a gas con combustibili liquidi come back-up.

Oltre alla conversione del motore, il progetto coprirà tutti gli aspetti per assicurare il successo delle operazioni a gas. Tutto, dalla sicurezza all’affidabilità operativa, è preso in considerazione, con funzioni di controllo, sistemi meccanici ausiliari, così come sistemi elettrici e di automazione che vengono cambiati o aggiornati come richiesto. Come parte del contratto di ingegneria, approvvigionamento e costruzione, Wärtsilä gestirà tutte le fasi del progetto, che dovrebbe essere completato entro la fine del 2021.

Oltre all’impianto di Bel-Air, Senelec ha anche altre tre centrali elettriche Wärtsilä in funzione in Senegal.

L’accordo per la Nigeria

L’altro progetto di Wärtsilä in Africa ha luogo in Nigeria, dove il gruppo tecnologico ha firmato un accordo di manutenzione ottimizzata a lungo termine che copre le centrali elettriche, in tre diverse località, di proprietà di Paras Energy, un fornitore di energia nigeriano di proprietà privata al 100 percento. L’obiettivo dell’accordo è quello di assicurare il mantenimento di alti livelli di disponibilità, affidabilità ed efficienza degli impianti, fornendo al contempo un’importante prevedibilità dei costi ai fini del budget futuro.

Gli impianti coperti dall’accordo quinquennale sono gestiti con motori a gas Wärtsilä 34SG che producono una potenza totale combinata di circa 132 MW. Sulla base di una capacità media collegata di circa 6,5 kW per ogni casa nigeriana, questo rappresenterà l’equivalente del consumo annuale di circa 20.300 famiglie.

I vantaggi chiave della tecnologia Wärtsilä includono la flessibilità e la capacità di regolare rapidamente il carico in risposta alle fluttuazioni della fornitura da fonti di energia rinnovabili. Le centrali elettriche con motore a gas possono essere dimensionate per soddisfare i requisiti di diverse esigenze, come quelle delle industrie manifatturiere, delle città o delle microgrid locali. Inoltre, la soluzione Wärtsilä è caratterizzata da un basso consumo di acqua, che è una considerazione importante in vista delle lunghe stagioni secche della Nigeria.

In primo piano

Yanmar all’opera per un futuro sostenibile

Con il motto "A Sustainable Future", un futuro sostenibile, Yanmar sta intraprendendo una serie di attività alla ricerca di una società decarbonizzata, dallo sviluppo di nuove fonti di energia al raggiungimento delle emissioni zero dalla sua sede centrale, lo Yanmar Flying-Y building.
News

Articoli correlati