kubota

Volvo Penta investe continuamente nei suoi motori per la generazione di energia. Negli ultimi anni l’azienda ha introdotto non solo la gamma completa Stage V per gruppi elettrogeni mobili; il D8, D13 e D16, ma anche un’aggiunta completamente nuova alla famiglia di gruppi elettrogeni, il compatto e potente motore D8. 
L’aggiunta del nodo di alimentazione da 500 kVA al nostro motore del gruppo elettrogeno D13 è un altro passo in questo viaggio di Volvo Penta”, afferma Kristian Vekas, product manager per i motori dei generatori di Volvo Penta. “Stiamo migliorando ed espandendo costantemente la nostra offerta per supportare le esigenze dei nostri clienti globali per oggi e domani”.

Caratteristiche del nuovo motore Volvo Penta D13

Il D13 da 500 kVA fornisce la piena potenza al momento dell’avvio, una caratteristica essenziale per un gruppo elettrogeno di backup, in particolare per quelli utilizzati in operazioni di emergenza/stand-by, come ospedali, aziende farmaceutiche o data center. 
I motori Volvo Penta sono stati sottoposti a migliaia di ore di test rigorosi e di utilizzo in condizioni reali in un’ampia varietà di applicazioni negli ambienti più difficili, da -25°C a 60°C. Il nuovo D13 500 kVA non fa eccezione a questa regola. Il D13 500 kVA è notevolmente più piccolo e leggero rispetto ai modelli precedenti. Ciò consente il ridimensionamento, un alternatore più piccolo e, in definitiva, un risparmio di carburante che si aggira intorno al 4-5% anche grazie alla qualità e alla viscosità dell’olio di lubrificazione che influenza l’attrito interno del motore, che svolge un ruolo fondamentale nel consumo di carburante. 

Volvo Penta, attraverso la sua partnership con Al Masaood Power Division, presenterà il suo nuovo nodo di alimentazione al Middle East Energy dal 7 al 9 marzo a Dubai

In primo piano

La gamma Volvo Penta si amplia con le soluzioni D13

Volvo Penta ha ampliato la sua gamma marina Imo Tier III con nuove soluzioni D13, a dimostrazione dell’impegno dell’azienda a superare le migliori pratiche odierne, innovando allo stesso tempo le tecnologie future.

Tessari Energia e il biometano. REPowerEU

Asso di briscola? È la domanda che si pongono in tanti, riferita al biometano e al bio-Gnl, dopo che la Commissione Europea ha indicato il metano di origine rinnovabile, cioè derivato dalla fermentazione delle biomasse, come un tassello fondamentale del mosaico dell’indipendenza energetica. Abbiamo ...

Volkswagen Group dà il via al riciclo delle batterie

Pochi giorni fa a Salzgitter Volkswagen Group Components ha attivato il primo impianto del Gruppo per il riciclo delle batterie delle auto elettriche. L’obiettivo è il recupero industrializzato di materie prime preziose e di arrivare a un tasso di riciclo superiore al 90 per cento.

Articoli correlati