Gnl: combustibile del presente e del futuro che sulla strada ha trovato la dimensione ideale. Tre protagonisti della motoristica e del trasporto merci stanno facendo da apripista: Fpt Industrial, in tandem con Iveco, Scania e Volvo. Vi abbiamo resi edotti del Tech Day e dell’apparizione dirompente del Cursor 13 NG: A VOI IL RESOCONTO DI UN EVENTO STELLARE.

Gnl: Iveco mangia l’asfalto con Scania e Volvo

Volvo ha fatto il botto e ha conservato l’accensione spontanea relegando l’utilizzo del gasolio sotto il 10 per cento, conditio sine qua non per non essere omologato come ‘dual fuel’. Per il resto c’è il gas naturale liquefatto. NE HA PARLATO DIFFUSAMENTE VADO E TORNO.

Scania ha atteso la platea eco-friendly dell’Ecomondo di Rimini per togliere i veli al 13 litri a gas. RUMORS CIRCOLAVANO DA TEMPO, ORA SONO DIVENTATI REALTÀ.

Gnl. Il primo confronto di DIESEL si gioca a 13 litri

Un confronto tra motori alimentati a gas. Apparentemente uno sfregio alla testata e alla memoria di Rudolf, nella realtà la logica evoluzione di una politica editoriale che ha sempre ‘annusato’ tutto quello che è tangente e strettamente imparentato con il motore diesel. Il legame di parentela con il monoblocco diesel con i progenitori pare evidente. Su DIESEL Gennaio-Febbraio troverete quindi appaiati nella stessa griglia il Cursor 13 NG, lo Scania OC13 101 e il Volvo G13 460.

Gnl. Una storia a tre

Gnl è il comune denominatore dei 13 litri che si sfidano a colpi di efficienza, oltre che di pme e curve specifiche.

A seguire alcuni estratti dal confronto che troverete prossimamente sul giornale.

I tre moschettieri in poche righe

Potenza a 338 chilowatt per Fpt e Volvo, 310 per Scania, ma unisono per il picco di coppia, plafonato a 2.000 Newtonmetro per tutti. Ci concediamo una pausa di riflessione sulla densità di potenza, in attesa di verificare i dati sugli ingombri, ma possiamo rilevare che la pme concede margini a Scania e vede Volvo spingere sull’acceleratore. La potenza nominale, al miglior punto di consumo specifico, premia la scelta rivoluzionario-conservatrice di Volvo, così come le curve specifiche. Scania, dal canto suo, blandisce l’ago della bilancia, che pende a suo favore, con un quintale in meno. La premiata coppia Fpt – Iveco si fregia dei migliori valori assoluti in ciclo Otto.

Gnl sotto la lente di Vado e Torno

Si parla di fare massa critica, di fare sistema e noi l’abbiamo fatto. Ci sono venuti in soccorso i cugini di Vado e Torno, la rivista camionista dalla quale abbiamo attinto a piene mani.
Cominciamo dallo Stralis, tra le righe delle parole di Pierre Lahutte, Brand president Iveco: «Abbiamo iniziato l’anno scorso la rivoluzione nelle missioni a lungo raggio a gas naturale. Sull’onda di quel successo, lanciamo oggi un’intera gamma».  Lo Stralis Np è silenzioso, viaggia a meno di 71 decibel e rientra nelle norme Piek (l’omologazione è stata richiesta e presto comparirà il tasto per bloccare i giri a 1.500 e viaggiare in silenzioso), con i due serbatoi criogenici di metano liquido raggiunge un’autonomia di 1.600 chilometri anche grazie a un consumo inferiore del 15 per cento rispetto al diesel.

Gnl in gialloblu

Gialloblu come i colori della bandiera svedese.
Cominciamo da Volvo, trionfatore nel Sustainable truck of the year, premio assegnato dalla stessa Vado e Torno, Volvo nella transizione al gas non perde pezzi, come dimostra il cambio I-Shift, che snocciola le 12 marce in sequenza senza la minima indecisione o impuntamento con la lancetta del contagiri che resta costantemente tra i mille e i 1.500 giri (zona verde) con qualche puntata verso i 1.800 solo in prima e seconda per gli spunti più decisi. Raggiunta la velocità di crociera, poi, il motore ronfa a 1.100 giri a 80 all’ora e sale a 1.250 per i classici 90. Insomma, sembra di guidare il 460 diesel, se non avessimo visto prima il motore.
Infine Scania. E come sul diesel, potenza e coppia del motore, che al pari dei 9 litri cinque cilindri di 206 e 250 chilowatt (280 e 340 cavalli), soddisfa gli standard di rumorosità Piek con un livello sonoro inferiore ai 72 decibel, sono gestite dall’Opticruise, il cambio automatizzato concepito, sviluppato e prodotto dalla Scania. Una garanzia in fatto di comfort, guidabilità, precisione.

Per il resto, restate sintonizzati su queste frequenze e non perdetevi DIESEL di gennaio-febbraio.

 

In primo piano

Articoli correlati

Wärtsilä verso la decarbonizzazione

Il report presentato da Wärtsilä anticipa che una decarbonizzazione accelerata potrebbe ridurre il costi della produzione di energia elettrica fino al 50 per cento
News