La Shell Eco-Marathon, storico progetto dedicato all’innovazione e alla mobilità sostenibile, torna a svolgersi in presenza con una nuova edizione che vede, dopo due anni, il ritorno della gara in pista. Agli eventi, che si sono svolti tra la fine di giugno e l’inizio di luglio presso il Circuito Paul Armagnac di Nogaro, in Francia, hanno partecipato due team italiani: il team H2politO del Politecnico di Torino e il Team Zero C dell’Istituto Tecnico Industriale Leonardo da Vinci di Carpi.

Nella prima delle due date, dedicata ai veicoli della categoria Prototype – per veicoli leggeri e ultra-efficienti, spesso a tre ruote – i team hanno dovuto compiere 10 giri del circuito in un tempo massimo di 39 minuti, per una distanza totale di 16 km: a decretare il vincitore è un giudizio sulla sua creatività e sul know-how tecnico, oltre al minor consumo di carburante. La seconda competizione, invece, è stata dedicata alla categoria Urban Concept, che per la prima volta quest’anno ha visto coinvolti i veicoli con la guida autonoma.

Shell Italia è orgogliosa di vedere tornare in pista la Shell Eco-Marathon, che si conferma nuovamente una bellissima occasione per lavorare con i ragazzi delle scuole superiori e delle università sullo sviluppo di soluzioni per il futuro della mobilità – ha commentato Valeria Contino, Responsabile Relazioni Esterne di Shell Italia. – Siamo fieri della partecipazione dei ragazzi italiani, che anche dopo un periodo complesso come quello trascorso, non hanno mai perso la volontà di investire nel loro futuro e nel loro talento per imparare a innovare con determinazione e spirito di squadra.”

La Shell Eco-Marathon è la più importante competizione per l’innovazione nella mobilità e si svolge ogni anno in Europa, America e Asia e coinvolge studenti delle materie Stem provenienti dai tre continenti. La competizione avviene in un contesto in cui i leader di oggi e di domani, oltre a un vasto pubblico fortemente interessato alle tematiche energetiche, incoraggiano il dibattito su soluzioni sostenibili per affrontare la crescita del fabbisogno energetico mondiale. Scopo dell’iniziativa è di coinvolgere i cittadini europei su tematiche relative all’energia, un tema che Shell ha affrontato anche nella recente edizione di Autopromotec, e alla mobilità, ponendosi come fonte di ispirazione nel considerare soluzioni innovative.

In primo piano

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Isotta Fraschini e il Cis

È pienamente operativo il Cis di Isotta Fraschini a Bari (Centro di innovazione e sviluppo). Un passo deciso verso il completamento del progetta IFuture

Kohler e i carburanti alternativi verso la decarbonizzazione

Si è svolto il 16 e 17 novembre a Reggio Emilia, presso la sede di Kohler Engines, l’evento “Alternative fuels. A sustainable path to engines decarbonization”, un workshop organizzato da Sae-NA, Stems-Cnr e Kohler, sponsorizzato e ospitato da Kohler stessa