Chi meglio di Andreas Follér, Head of Sustainability di Scania, può parlare del punto di vista dell’azienda svedese della tecnologia attuale e della transizione energetica? Questo è ciò che abbiamo pensato durante una chiacchierata con lui su diversi temi caldi: dalle possibilità e sfide dell’elettrificazione nel settore dei camion alle prospettive sulle celle a combustibile, fino agli sforzi che Scania sta mettendo in ricerca e sviluppo di motori a combustione interna per realizzare una transizione agile e pulita. “Anche se Scania riuscirà a raggiungere l’ambizioso obiettivo di avere il 50% del nostro volume di vendita realizzato da veicoli elettrici entro il 2030, il 90% della flotta mobile sarà a combustione interna”, ci ha detto Follér. “Quindi, è fondamentale continuare a fornire al mercato veicoli con motori a combustione estremamente buoni». Partiamo però da un premio “elettrico”…

Scania premiata per la sostenibilità nel 2022

Scania è stata premiata con il Sustainable Truck of the Year 2022 nella categoria Distribution per il 25 P BEV. In che modo il segmento della distribuzione urbana e regionale è cruciale nella strategia dell’azienda per aumentare l’elettrificazione?

Il segmento urbano è davvero cruciale per noi. È qui che creiamo fiducia non solo nel prodotto, ma anche in tutto ciò che lo circonda. Si può dire che sia un trampolino di lancio per creare la fiducia con i clienti e la consapevolezza tra tutte le parti interessate, soprattutto quando si tratta di infrastrutture. Inoltre, i camion elettrificanti sono molto adatti all’ambiente urbano. Devi avere un ingombro molto leggero, devi preoccuparti dei livelli di rumore, livelli di emissione e così via. Possiamo dire che per noi è un laboratorio, per testare cosa possiamo fare con l’e-mobility anche in altri segmenti.

sustainable truck finalists

Qual è il feedback proveniente dai clienti che stanno già utilizzando, o testando, camion a trazione elettrica?

I clienti sono generalmente molto entusiasti di questi prodotti. Sapevamo ed eravamo preparati per le sfide operative. Stiamo vivendo una rivoluzione, sotto molti aspetti: dalla finanza alla ricarica, dall’assistenza alla riparazione e alla manutenzione, è molto diverso rispetto al passato! Si tratta di prodotti premium: sono silenziosi, fluidi e svolgono il lavoro proprio come ci si può aspettare da un camion Scania.

Si parla tanto delle difficoltà di passare all’elettrificazione nei trasporti a lungo raggio. Qual è il punto di vista di un attore importante come Scania su questo? È in grado di risolvere tutti i problemi rilevanti (portata, infrastruttura, quantità di energia richiesta ecc.) a medio termine?

La nostra opinione è che saremo lì prima di quanto la maggior parte delle persone si aspetti. Già quest’anno apriremo il portafoglio ordini per prodotti che possono lavorare 40 tonnellate per 4 ore e caricare da 45 minuti a un’ora. Quindi, avremo prodotti pesanti che raggiungono le 60 tonnellate. Entro il 2025, la nostra gamma completa di prodotti avrà alcune versioni elettriche. Posso dire che la tecnologia c’è, questa non è più la sfida. Ci siamo assicurati le batterie dai nostri partner, abbiamo una trasmissione fantastica. Ora, la sfida è sul lato operativo. Dobbiamo essere sicuri di avere l’infrastruttura di ricarica e la capacità operativa per supportare i nostri clienti. Qui, dobbiamo lavorare insieme ai governi e alle regioni per poter risolvere rapidamente questo problema.

Scania

Infrastrutture e opportunità dell’idrogeno

Parlando di infrastrutture di ricarica per il trasporto a lungo raggio, a che punto siamo, secondo lei? E cosa manca davvero?

Come primo passo, e qui stiamo davvero facendo molti investimenti e sforzi finora, la ricarica in deposito è il nostro obiettivo. Naturalmente, la sfida riguarda le infrastrutture di ricarica pubbliche e questo è ovviamente il passo successivo. La joint venture con Daimler e Volvo è un progetto molto importante, poiché stiamo pianificando la costruzione di almeno 1.700 stazioni di ricarica in tutta Europa. Tuttavia, dovremmo avere qualcosa tra 25.000 e 40.000 punti di ricarica in Europa per soddisfare i futuri requisiti nel settore dei trasporti. Il sistema di alimentazione a carburante è in circolazione da 150 anni e ora abbiamo solo pochi anni per costruire un sistema completamente diverso. Quindi, dobbiamo sincronizzare la tecnologia degli Oem, la disponibilità dei clienti e l’infrastruttura di ricarica che le aziende e i governi devono costruire insieme.

Qual è la strategia di Scania sull’idrogeno?

Crediamo che i camion elettrici a batteria rappresentino la soluzione più efficiente e sostenibile. I veicoli elettrici a celle a combustibile saranno una soluzione complementare per alcune applicazioni di trasporto e in determinate regioni. Vediamo alcuni svantaggi rispetto alla tecnologia elettrica a batteria in termini di efficienza. D’altra parte, l’idrogeno sarà il vettore energetico del futuro. Stiamo facendo ricerca e testando veicoli alimentati a idrogeno. Ne abbiamo quattro in prova in Norvegia, due in Svezia. Anche questo è un percorso molto interessante.

Scania sta collaborando con i clienti su alcune applicazioni per veicoli elettrici pesanti, fino a 80 tonnellate. Puoi dirci qualcosa in più su questi progetti speciali e sul ruolo che Scania vuole avere in questa nicchia di mercato?

Questo è il nostro pane quotidiano! Alla fine della giornata, serviamo principalmente il lato del trasporto commerciale davvero pesante. Vogliamo dimostrare che non è una visione lontana del futuro, è davvero qui e ora. In collaborazione con clienti chiave, come Wibax, ad esempio, o la svedese Lkab per l’industria mineraria, vogliamo dimostrare che è possibile disporre di tali soluzioni anche prima del 2025.

scania mining

Grandi cambiamenti in vista a Södertälje

Scania ha recentemente annunciato alcuni progetti interessanti a Södertälje, come la costruzione di un impianto di assemblaggio di batterie o di una pista di prova per camion autonomi ed elettrici. Come stanno andando questi progetti? E come sta cambiando la struttura di Södertälje?

Stiamo investendo molto in questo, per il semplice motivo che siamo sicuri che questo sia il futuro. L’impianto di batterie, dove produrremo sia i moduli che i pacchi batteria, è il più grande investimento della nostra storia. L’impianto è completamente integrato nella nostra linea di produzione di telai. Ora abbiamo deciso di investire in questa nuova pista di prova. Inoltre, ci sono più persone nel nostro dipartimento di ricerca e sviluppo a Södertälje che lavorano nella mobilità elettrica rispetto allo sviluppo del motore a combustione interna, quindi il cambiamento sta già avvenendo a Södertälje.

In che modo la ricerca sui motori a combustione interna è importante per raggiungere l’obiettivo di ridurre del 20% entro il 2025 le emissioni generate dai veicoli e dai prodotti Scania? È ancora possibile migliorare l’efficienza del motore oggi? Come?

Se fai due conti, vedi che anche se Scania riuscirà a raggiungere l’ambizioso obiettivo di avere il 50% del nostro volume di vendita realizzato da veicoli elettrici entro il 2030, il 90% della flotta mobile sarà a combustione interna. Quindi, è fondamentale continuare a fornire al mercato veicoli con motori di questo tipo estremamente buoni. È anche fondamentale per il mercato promuovere i combustibili rinnovabili, sia miscelandoli con il diesel che fornendo combustibili rinnovabili al 100%. Biometano, Hvo sono già soluzioni disponibili in grado di fornire una reale riduzione di CO2. L’anno scorso Scania ha lanciato una piattaforma motore rinnovata in grado di garantire un ulteriore risparmio di carburante dell’8%. I clienti scelgono un marchio invece di un altro principalmente in un’ottica di Tco. I prezzi del carburante sono attualmente in aumento, il che rende ancora più importante ridurne il consumo. C’è ancora potenziale di efficienza quando si tratta dei prodotti a combustione interna. Crediamo di poter trovare un reale miglioramento in questa tecnologia, ad esempio con il sistema di post-trattamento dei gas di scarico possiamo fare un paio di percentuali in più.

Oltre la sostenibilità: che dire dell’iconico rombo dei motori Scania a combustione interna?

Sappiamo che Scania ha un’immagine davvero unica tra i clienti, anche legata ai motori a combustione, il loro ruggito. Teme che un tale vantaggio possa scomparire con il passaggio ai camion a emissioni zero?

Non sarei onesto con te se dicessi che non è una preoccupazione di cui stiamo discutendo. Crediamo che sia reale. Abbiamo i migliori motori a combustione mai costruiti, i conducenti li adorano, i clienti li adorano. È stata la spina dorsale di Scania per molto tempo. Tuttavia, non è il momento di essere nostalgici. Crediamo davvero che i nostri clienti adoreranno i nostri prodotti elettrici a batteria con la stessa passione, si spera. Faremo tutto il possibile per intraprendere questo viaggio con i nostri clienti.

Non sarebbe possibile immaginare camion con motori a combustione interna molto efficienti per il trasporto a lungo raggio fino al 2035, e forse anche di più, e gli altri segmenti tutti elettrificati?

 Alla fine della storia, il segmento che trarrà il massimo dall’elettrificazione è il segmento a lungo raggio, poiché è lì che vengono bruciati più combustibili. Qui, i camion elettrici a batteria hanno più senso per i nostri clienti. La parte emotiva è molto importante, ma dobbiamo ricordare che i nostri clienti sono uomini d’affari e hanno bisogno di lavorare. Quando ti avvicini al 2030 e oltre, sarà molto difficile dal punto di vista del Tco giustificare i costi dei motori alimentati a diesel. Inoltre, i clienti finali chiederanno soluzioni di trasporto sostenibili ai loro fornitori. E ci saranno problemi legislativi, operativi, pedaggi stradali e così via che spingeranno verso soluzioni a emissioni zero.

Infine, come si può immaginare il settore degli autocarri tra dieci anni, in termini di sviluppo tecnologico?

Questa è una grande domanda. Direi che siamo molto fiduciosi dal punto di vista tecnologico. Crediamo che a questo punto non siano più rimaste vere e proprie barriere tecnologiche. Entro il 2025 sposteremo circa il 10% delle nostre vendite a emissioni zero. Guardando al 2030, forse la metà dei nostri volumi complessivi. Entro il 2040, credo che la trasformazione sarà completa, con quasi tutti i camion che saranno elettrici a batteria o a celle a combustibile. Quando si parla di sostenibilità, il prossimo orizzonte riguarderà la possibilità di avere prodotti a zero emissioni con il minimo impatto ambientale, con le aziende in grado di creare flussi circolari nella loro produzione. Credo anche che questa sia solo una piccola parte di un viaggio molto più grande che è la transizione energetica. Dobbiamo eliminare gradualmente i combustibili fossili e sostituirli con combustibili rinnovabili.

In primo piano

Fpt Industrial supporta la Biennale di Venezia

Fpt Industrial conferma il proprio impegno nell’ambito della sostenibilità attraverso l’arte contemporanea diventando Sponsor Tecnico del Padiglione Italia alla 59a Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.

WM Technics: tra terra e ghiaccio

Da oltre trent’anni WM Ice Technics sviluppa e produce macchine di alta qualità per la lavorazione del ghiaccio. In tempi più recenti, sotto il marchio di WM Agri Technics, ha avviato la progettazione e costruzione di mini trattori per vigneti terrazzati

Macchine edili autonome al bauma 2022

Lo sviluppo di macchine edili autonome è attualmente tra gli obiettivi principali sia dei produttori che degli istituti di ricerca. Molti aspetti di questo argomento saranno ripresi al bauma, che si svolgerà a Monaco di Baviera dal 24 al 30 ottobre 2022.

Articoli correlati

Allison: progresso automatico

Allison ha fatto una bandiera del cambio automatico. Quest’anno ha fatto l’en plein tra i primi dieci della griglia finale della Dakar. Sintomatico che la trasmissione americana goda di ottima salute anche in ambienti polverosi. E di cantiere ed elettrificazione abbiamo parlato con Sergio Camolese, ...