Sandvik, leader nel mining sotterraneo

Sandvik, colosso svedese nell’ambito del mining, sceglie di affidarsi alle soluzioni di Volvo Penta per lo Stage V. Le condizioni di lavoro nel mining sotterraneo sono tra le più estreme, e minimizzare le emissioni è una sfida dura. Nelle operazioni di mining sotterraneo l’aria fresca deve essere pompata per gli operatori e per diluire le emissioni. Sotto terra l’aria può dover essere refrigerata, e questo corrisponde a un aumento dei costi. Con lo Stage V, minori emissioni significano minore bisogno di ventilazione, e i costi si riducono. La divisione Mining and Rock Technology di Sandvik collabora con Volvo Penta già da una decina di anni. Insieme mettono a punto soluzioni ingegneristiche dalla fase di prototipazione a quella di produzione seriale.

Sandvik sta installando le soluzioni Stage V di Volvo Penta sui suoi caricatori e autocarri, attraverso prototipazione e test. Il caricatore sotterraneo Sandvik LH517 da 17 tonnellate ha dato esiti positivi nei test finlandesi con i motori Stage V.

La partnership nelle parole di Wayne Scrivens

Wayne Scrivens, vice presidente della sezione Product Line, Load and Haul della casa svedese ha spiegato il motivo del successo della partnership. «Volvo Penta è stata molto accomodante nel lavorare con i nostri tecnici per progettare un blocco motore adatto alle nostre macchine». «Le nostre unità», prosegue Scrivens, «hanno un basso profilo per lavorare in spazi confinati e tunnel, quindi devono essere compatte, e Volvo Penta ha trovato le soluzioni giuste per noi».

Stage V e future regolamentazioni

Sandvik offre già diverse soluzioni che vanno dallo Stage II allo Stage IV, a seconda dei mercati di omologazione. Per anticipare il futuro, le soluzioni Stage V di Volvo Penta sono certificate Msha (USA) e Canmet (Canada). «Abbiamo capito che molti clienti optano per motori a basse emissioni anche quando le regolamentazioni nei loro paesi non li richiedono obbligatoriamente», puntualizza Scrivens. La certificazione di Msha e Canmet significa offrire macchinari già adeguati ai mercati americano e canadese. «Per noi è ottimo che Volvo Penta ci supporti in questo», conclude Scrivens.

Volvo Penta non era un nome noto nell’industria del mining, afferma David Hamilton, direttore del Global Key Account and Business Development di Volvo Penta. I tempi di funzionamento sono fondamentali nelle operazioni sotterranee, precisa Hamilton. «I motori sono esposti a condizioni estreme nel mining, e il loro successo mostra che abbiamo un range di durabilità e resistenza». La collaborazione con un’azienda leader come Sandvik è un riconoscimento di tale professionalità. La loro commissione sugli Stage V significa portare la relazione a un nuovo livello, conclude Hamilton.

Lo Stage V di Volvo Penta è rappresentata da un motore dalle alte performance. Questo si combina alla perfezione con il sistema di post-trattamento Eats. L’insieme è pensato per le esigenze future, in termini di ottimizzazione dei consumi e dei tempi di funzionamento. Sono aspetti fondamentali anche la facilità di installazione, manutenzione e utilizzo. Il range di potenza della gamma Stage V va da 105 a 565 chilowatt.

IN ITALIA, IL COLOSSO SVEDESE LAVORA IN CAVA CON CGT

In primo piano

La redazione presenta DIESEL maggio 2021

È online e in distribuzione DIESEL maggio 2021. Come sempre, la redazione presenta in un breve video i contenuti di un numero particolarmente denso, in cui spaziamo dall'associazionismo all'automazione; dall'off-road ai motori marini.

Articoli correlati