Rolls-Royce e il Saf. Come dire che la lotta alle emissioni inquinanti non si combatte solamente su terra e in acqua, anche in aria. Rolls-Royce Power Systems ha un ‘sentiment’ comune alla casa madre. Friedrichshafen investe nel gas compresso anche sui traghetti e non solo, sviluppa l’ibrido e ha l’idrogeno nel mirino.

Qual è il prossimo passo dei britannici? Lasciamolo dire a loro. “Nell’ambito della sua strategia di decarbonizzazione, Rolls-Royce utilizzerà per la prima volta carburante sostenibile al 100%. Lo farà nei test a terra delle tecnologie per la prossima generazione di motori aerei.

Rolls-Royce e il Saf

Rolls-Royce e il Saf

I test mireranno a confermare che il Saf (Sustainable aviation fuel) non miscelato contribuisce in modo significativo al miglioramento delle prestazioni ambientali delle turbine a gas. Il Saf utilizzato nei test è stato prodotto dallo specialista di carburanti a basse emissioni di carbonio World energy, di Paramount, California, fornito da Shell Aviation e consegnato da SkyNRG.

Questo carburante non miscelato ha il potenziale per ridurre in modo significativo le emissioni nette della CO2 di oltre il 75% rispetto al carburante per jet tradizionale nel ciclo di vita,  con la possibilità di ulteriori riduzioni negli anni a venire.

Questi test mirano a dimostrare che gli attuali motori possono funzionare con il 100% di Saf come opzione completa “drop-in”, ponendo le basi per portare tali carburanti verso la certificazione. Attualmente, Saf è certificato per miscele fino al 50% con carburanti convenzionali e può essere utilizzato su tutti gli attuali motori Rolls-Royce.

A partire dalle prossime settimane, a Derby, nel Regno Unito, i test al suolo coinvolgeranno un motore Trent che incorpora anche la tecnologia ALECSys (Advanced Low Emissions Combustion System) lean-burn

ALECSys fa parte del programma di dimostrazione dei motori UltraFan® di prossima generazione, che offre un risparmio di carburante del 25 percento rispetto alla prima generazione di motori Trent.

Dice Stein, il Cto di Rolls-Royce

Ecco le parole di Paul Stein, Chief technology officer di Rolls-Royce.

«L’aviazione è una forza tremenda per il bene, per mantenere il mondo connesso, ma dobbiamo farlo in modo sostenibile. Questi test mirano a dimostrare che siamo in grado di ottenere una reale riduzione delle emissioni. Se la produzione di SAF può essere incrementata – e l’aviazione ha bisogno di 500 milioni di tonnellate all’anno entro il 2050 – possiamo dare un enorme contributo al nostro pianeta». 

Oltre a fornire la SAF con SkyNRG, Shell Aviation fornisce a Rolls-Royce anche lubrificanti AeroShell per il programma di test dei motori ALECSys.

Di seguito, invece, le dichiarazioni di Anna Mascolo, Presidente di Shell Aviation.

«Per oltre 100 anni, Rolls-Royce e Shell hanno lavorato insieme per guidare il progresso dell’aviazione. Questa collaborazione ci avvicina di un passo alla decarbonizzazione dell’aviazione. Oltre al SAF, Shell Aviation fornirà compensazioni (off set) utilizzando soluzioni basate sulla natura per rendere il test a emissioni zero nette, rafforzando il concetto che molteplici misure siano essenziali se l’aviazione deve raggiungere emissioni nette di anidride carbonica pari a zero».

Il programma ALECSys è sostenuto dall’Unione Europea tramite Clean Sky e nel Regno Unito dall’Aerospace Technology Institute e da Innovate UK; il programma di test Saf al 100 percento è inoltre sostenuto da ATI, iUK e Gulf Aviation.”

In primo piano

Articoli correlati

Man Energy Solutions e il Gnl

Man Energy Solutions spinge sul Gnl. In Grecia, con un impianto di liquefazione, in Corea con la fornitura di 10 B&W 7G80ME-GI Mk9.5 dual-fuel

Un’eco italiana: AB e il trasporto

Ab si lancia con il Biometano per l'autotrazione. E su strada vi raccontiamo delle bombole del gas, di transizione green, mobilità sostenibile e Pnrr