Rolls-Royce e Cellcentric, una joint venture costituita da Daimler Truck e Volvo Group, stanno compiendo un ulteriore passo nella loro cooperazione strategica per l’implementazione di moduli fuel cell a idrogeno Cellcentric. Rolls-Royce, attraverso la sua business unit Power Systems, svilupperà soluzioni complete mtu per fuel cell a idrogeno basate su moduli di celle Cellcentric che non emettono altro che vapore acqueo. Ciò consentirà la generazione di energia di emergenza senza CO2 e climaticamente neutra per i data center. Rolls-Royce è tra i primi tre fornitori al mondo di gruppi elettrogeni di emergenza per data center. Sia Rolls-Royce che Cellcentric vogliono essere protagoniste della svolta delle celle a combustibile e sono convinte che ora ci sia la tecnologia – e i tempi – giusti per lanciare con successo applicazioni commerciali di celle a combustibile sul mercato di massa.

Rolls-Royce e Cellcentric per valorizzare l’idrogeno verde

Ciascun modulo di celle a combustibile fornirà in futuro una potenza netta di circa 150 kW – sufficiente per alimentare circa 10 case o 50 lavatrici – e può essere collegato insieme in centrali elettriche a celle a combustibile scalabili con potenze nell’intervallo dei megawatt, in grado di fornire alimentazione di backup pulita per data center di grandi dimensioni.

Rolls-Royce ha commissionato un dimostratore di celle a combustibile all’inizio di quest’anno e prevede di mettere in funzione un ulteriore impianto di dimostrazione nel 2022, basato su moduli che forniscono circa 100 kW ciascuno. I primi impianti pilota con i clienti saranno installati nel 2023, mentre Rolls-Royce lancerà sistemi di celle a combustibile di produzione standard nel 2025. Un modulo di celle a combustibile è attualmente in mostra presso lo stand Rolls-Royce alla Cop26 di Glasgow, in Scozia, in uno speciale ed elegante involucro con una “H” stilizzata, il simbolo chimico dell’idrogeno, sul lato anteriore.

I generatori elettrici basati su celle a combustibile rappresentano il prossimo passo verso la transizione energetica, sia per noi che per i nostri clienti”, ha affermato Andreas Schell, CEO di Rolls-Royce Power Systems. “Ecco perché stiamo investendo un importo a tre cifre in ricerca e sviluppo nei prossimi anni e speriamo che questo forte impegno incoraggerà governi e politici a promuovere e supportare questa tecnologia pionieristica ed estremamente rispettosa del clima. Quando funzionano con idrogeno verde, ovvero idrogeno prodotto utilizzando fonti di energia rinnovabile, le celle a combustibile sono climaticamente neutre. Per questo motivo, e anche perché siamo semplicemente convinti della tecnologia delle celle a combustibile, vogliamo anche capire come l’idrogeno verde possa essere prodotto a costi contenuti nelle quantità di cui abbiamo bisogno”.

Perry Kuiper, President Sustainable Power Solutions di Rolls-Royce Power Systems, ha aggiunto: “Siamo tra i primi tre fornitori al mondo di gruppi elettrogeni di emergenza per data center e come tali godiamo della fiducia di lunga data dei nostri clienti, che ora cercano soluzioni sostenibili alle loro esigenze di approvvigionamento energetico. Abbiamo dichiarato che la nostra missione è quella di avere più della metà dei data center alimentati da energia di emergenza da celle a combustibile in futuro”. Lo sviluppo di soluzioni prive di CO2 che utilizzano la tecnologia dell’idrogeno è in corso presso Rolls-Royce Power Systems nella sua nuova divisione “Power Lab”.

Matthias Jurytko, CEO di Cellcentric, ha dichiarato: “La cella a combustibile a base di idrogeno è un elemento fondamentale per raggiungere l’obiettivo di una società senza CO2. Con Rolls-Royce, abbiamo un partner importante al nostro fianco con il quale vogliamo ottenere ulteriori economie di scala per aiutare la tecnologia a raggiungere una svolta. La nostra collaborazione invia un chiaro segnale ai politici e all’industria: entrambe le aziende sono convinte dei vantaggi delle celle a combustibile e stanno lavorando duramente per commercializzarle. Pertanto, ora devono essere create le condizioni quadro giuste per farlo. Ciò vale in particolare per la questione delle infrastrutture e quindi della generazione, stoccaggio e trasporto dell’idrogeno.”

In primo piano

John Deere e Rama Motori

L'ultra-trentennale sodalizio tra John Deere e Rama Motori si arricchisce del potenziamento di gamma, in ragion del 18 litri, Diesel of the year

Se il diesel inquina meno…

Vi presentiamo uno studio accurato che rilancia le quotazioni del gasolio. Transizione energetica dei Classe II, passare al gas mantenendo una quota di diesel di ultima generazione può generare meno emissioni di una consacrazione rapida dell’Lng. Il Politecnico di Milano ha studiato gli indirizzi pe...

Articoli correlati

Tessari Energia. Dal biogas al biometano. BioVerola

Questa è la tappa conclusiva della trilogia con cui vi abbiamo raccontato quella specie di “doppia pelle” che per Tessari Energia è il trattamento del gas metano e del biogas. Nell’impianto di BioVerola si incontrano tutte le competenze dello specialista padovano e la generazione va a braccetto con ...