kubota

Nsk e i trattori, come dire 31mila risorse orientate alla disciplina del coefficiente di carico, ad applicazioni statiche e idrauliche, etc etc.

Nsk e i trattori, come soddisfare coppie elevate

Spiega Nsk che «le soluzioni per le trasmissioni di veicoli e macchinari nell’industria agricola devono soddisfare diversi requisiti prestazionali, in particolare coppie e carichi elevati. Pertanto, i cuscinetti per trasmissioni, differenziali e alberi di trasmissione devono offrire il massimo livello di affidabilità e durata. L’esperienza in ambito automobilistico è certamente vantaggiosa, ma le applicazioni nel settore agricolo presentano numerose differenze significative. Mentre i veicoli stradali richiedono prestazioni elevate in termini di accelerazione/velocità e viaggiano su superfici lisce, i mezzi agricoli si devono muovere su terreni accidentati e trasportare o trainare carichi elevati; pertanto, il requisito principale per la trasmissione non è la velocità, bensì la coppia elevata. Se si utilizzano cuscinetti con specifiche inadeguate o selezionati in modo erroneo, le trasmissioni possono essere soggette a svariati problemi. Fra i guasti più comuni dei cuscinetti per trasmissioni ci sono sfaldatura, strisciamento (fretting), danni alla gabbia e scorrimento (creep), tutti fenomeni che producono conseguenze indesiderabili. Nelle trasmissioni, la sfaldatura si verifica quando frammenti di materiale del cuscinetto si distaccano dalla superficie levigata della pista di rotolamento o dai corpi volventi, a causa della fatica da rotolamento, creando così aree con una superficie rugosa. Questo meccanismo di cedimento può essere innescato da diverse cause, fra cui carico eccessivo e penetrazione di sostanze estranee».

Nsk e i trattori

Dice no alla sfaldatura

Per eliminare il rischio di sfaldatura, Nsk propone i cuscinetti ad alta capacità di carico Serie HR. La maggiore capacità di carico e la durata prolungata non solo prevengono la sfaldatura, ma aggiungono valore favorendo le iniziative di riduzione degli ingombri. I cuscinetti della Serie HR utilizzano come corpi volventi dei rulli conici guidati da un orletto di ritegno sulla faccia maggiore del cono. Questi cuscinetti sono in grado di reggere carichi radiali e assiali elevati in un’unica direzione, poiché i rulli sono più numerosi e più grandi. La Serie HR comprende anche cuscinetti radiali rigidi a sfere con coefficiente di carico dinamico maggiore del 7-19 percento e un incremento del 22-68 percento della durata ISO L10. Un’altra soluzione sempre più utilizzata per contrastare l’ingresso di sostanze contaminanti, altra causa comune della sfaldatura nei cuscinetti per trasmissioni, è la Serie TM di NSK. La schermatura di questi cuscinetti risulta particolarmente efficace nelle trasmissioni di veicoli per applicazioni agricole, dove consente una durata 2,5 volte maggiore rispetto ai cuscinetti aperti.

PER IL RILEVAMENTO DEL CARICO

Il design innovativo del labbro di tenuta impedisce l’ingresso di sostanze contaminanti come la polvere di ingranaggi, consentendo contemporaneamente il passaggio dell’olio lubrificante. Inoltre, il grasso incorporato è molto affine all’olio per ingranaggi, per agevolare la lubrificazione iniziale. Una lubrificazione insufficiente o inadeguata può essere un’altra causa di sfaldamento.”

In primo piano

La gamma Volvo Penta si amplia con le soluzioni D13

Volvo Penta ha ampliato la sua gamma marina Imo Tier III con nuove soluzioni D13, a dimostrazione dell’impegno dell’azienda a superare le migliori pratiche odierne, innovando allo stesso tempo le tecnologie future.

Tessari Energia e il biometano. REPowerEU

Asso di briscola? È la domanda che si pongono in tanti, riferita al biometano e al bio-Gnl, dopo che la Commissione Europea ha indicato il metano di origine rinnovabile, cioè derivato dalla fermentazione delle biomasse, come un tassello fondamentale del mosaico dell’indipendenza energetica. Abbiamo ...

Volkswagen Group dà il via al riciclo delle batterie

Pochi giorni fa a Salzgitter Volkswagen Group Components ha attivato il primo impianto del Gruppo per il riciclo delle batterie delle auto elettriche. L’obiettivo è il recupero industrializzato di materie prime preziose e di arrivare a un tasso di riciclo superiore al 90 per cento.

Articoli correlati

ZF: il futuro delle applicazioni forestali

All’Elmia Wood di quest’anno a Jönköping, in Svezia, ZF presenta soluzioni di azionamento orientate al futuro per applicazioni forestali: la tecnologia cPower Cvt, per prestazioni più elevate e minor consumo di carburante, e i riduttori Redulus per le grandi trinciatrici.