Nell’ambito delle iniziative dell’azienda a favore della neutralità climatica nei suoi motori, Kubota Corporation ha studiato motori per macchine industriali con una maggiore efficienza del carburante e in grado di utilizzare combustibili privi di carbonio come idrogeno, bio e sintetici.

Il motore a idrogeno industriale off-highway Kubota da 3,8 litri elimina le emissioni di anidride carbonica utilizzando solo l’idrogeno come carburante.

Lo sviluppo sta facendo progressi nel settore dei generatori portatili di Denyo utilizzando un generatore diesel da 45 kVA come base e mira a lanciare sul mercato in anticipo un generatore dedicato alimentato a idrogeno.

Daniel Grant, Manager Marketing Intelligence, Business Unit Engines Europe, Kubota UK, ha dichiarato: “Sullo sfondo della necessità di un’infrastruttura globale per l’idrogeno, le road map tecnologiche innovative di Kubota e le iniziative principali per promuovere la neutralità del carbonio dei motori per macchine industriali con una maggiore efficienza, nonché i continui progressi nei carburanti privi di carbonio come l’idrogeno, la ricerca sui combustibili biologici e sintetici, sottolineano l’impegno di Kubota verso il raggiungimento di una sostenibilità, futuro a emissioni zero. Attraverso la nostra tecnologia e ricerca sui motori a combustione interna, miriamo a dare un contributo importante alla riduzione globale delle emissioni nocive. Gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, adottati dal vertice delle Nazioni Unite nel 2015, hanno stabilito 17 obiettivi per un mondo migliore entro il 2030. Crediamo che la nostra visione per il futuro sia in linea con tali obiettivi”.

Un generatore portatile a celle a combustibile produce energia elettrica attraverso una reazione chimica tra idrogeno e ossigeno. Un generatore a combustione mista di idrogeno utilizza tecnologie per limitare le emissioni di anidride carbonica attraverso la combustione di idrogeno in combinazione con altri combustibili, come diesel e gas di città.

In primo piano

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Isotta Fraschini e il Cis

È pienamente operativo il Cis di Isotta Fraschini a Bari (Centro di innovazione e sviluppo). Un passo deciso verso il completamento del progetta IFuture

L’e-drive di Keestrack

Keestrack si è presentato a Bauma con una gamma di macchine orientate alla riduzione dell'impatto ambientale. Con un impiego intelligente dell'e-drive che prevede un grande coinvolgimento dell'utilizzatore nelle scelte di configurazione della macchina