baudouin

Mild Hybrid: il diesel la fa ancora da padrone in Italia

Il Mild Hybrid sembra essere la via. A sentire i soloni del mondo automotive i motori a gasolio sarebbero il passato, il vero futuro sarebbe solo elettrico. Poi, però, guardi le statistiche di vendita del marzo 2019 e scopri che in Italia le auto diesel rappresentano tuttora poco più del 45 per cento del mercato, prima motorizzazione sul podio con 87.800 immatricolazioni, davanti a 80.150 vetture a benzina e ben 621 full electric…

mild hybrid hyundai

E l’Italia non è un caso eccezionale. Ecco perché i tecnici della sede tedesca di Hyundai si sono già da tempo rimboccati le maniche e, vista l’ottima riuscita della versione mild hybrid del suv Tucson associata al motore a gasolio a due litri da 136 kW, hanno scelto di ampliare la gamma con il richiestissimo millesei CRDi da 100 kW. Perché il futuro è il futuro. Ma ai clienti che si presentano in concessionaria qualcosa bisogna pur vendere, magari proprio oggi.

Caratteristiche principali

Il sistema mild hybrid a 48V utilizzato da Hyundai, che vale al suv Tucson l’immatricolazione come ibrido e di conseguenza tutti i benefici del caso, si basa su tre elementi cardine: la batteria a 48V prima di tutto, un accumulatore a ioni polimeri di litio da 0,46 kWh inserito al di sotto del vano bagagli. Il cuore è poi rappresentato dal dispositivo Mhsg, ovvero il motogeneratore collegato tramite cinghia all’albero motore del turbodiesel 4 cilindri 1.591 cc con emissioni Euro6d da 100 kW e 320 Nm di coppia massima.

Motogeneratore in grado di erogare 12 kW di potenza e 55 Nm di coppia. Ultimo elemento, il controller-convertitore Ldc (Low Voltage DC/DC) che, tra le funzioni secondarie, può “uscire” a 12V stabilizzando il circuito generale del suv Hyundai. Ulteriore dettaglio, sempre marketing oriented, la possibilità di optare sia per la versione manuale sia per una trasmissione Dct a doppia frizione con 7 rapporti.

Risultato: consumi ed emissioni ridotte fino all’11 per cento secondo i cicli Nedc grazie sia al recupero di energia in frenata sia al supporto al diesel nelle fasi a più basso numero di giri, senza rinunciare ai vantaggi tipici dei propulsori a gasolio nella marcia autostradale a velocità costante. Tant’è che dal centro sviluppo di Namyang in Corea, la casa madre fa sapere che la nuova catena cinematica mild hybrid a 48V potrebbe presto trovare applicazione anche su altri modelli della gamma Hyundai. Stay tuned, i coreani hanno una marcia in più.

eima

In primo piano

Articoli correlati

Iveco S-Way 490: il supertest di Vado e Torno

Questo è l’Iveco S-Way 490 che Vado e Torno ha provato in esclusiva per l’Italia sull’impegnativo percorso del supertest 500 km, dove il pesante stradale Iveco ha realizzato, con 3,81 chilometri percorsi per ogni litro di gasolio consumato, una prestazione che lo proietta di diritto nell’olimpo dei ...

Renault Trafic Van E-Tech Electric

Il Trafic si presenta con un’aspettativa credibile, che lo proietta nell’agognata dimensione dell’ultimo miglio: il veicolo promette 240 chilometri di autonomia, in conformità al ciclo WLTP, dote del motore da 90 chilowatt, unità di misura standard di sincroni e asincroni (alla lettera, sono 122,4 c...