Marelli e Punch hanno unito le loro forze, creando una joint venture finalizzata allo sviluppo di assali elettrificati per veicoli elettrici. Di Punch abbiamo parlato a più riprese (qui un focus sulla presenza del Gruppo in Italia, a Torino); Marelli è un fornitore di primissimo piano nel settore automotive a livello globale. Leggiamo dal comunicato ufficiale che «la joint venture accelera l’evoluzione di Marelli verso l’elettrificazione attraverso lo sviluppo e l’assemblaggio di e-axle integrati per veicoli elettrici», e allo stesso tempo «segna un avanzamento nella strategia a lungo termine per la mobilità elettrica di Punch verso l’energia pulita a idrogeno».

La maggioranza a Marelli, l’HQ presso la sede d Punch a Strasburgo

Marelli deterrà la maggioranza della joint venture, che sarà focalizzata su un approccio sistemico per soluzioni e-axle integrate e ottimizzate. «L’azienda svilupperà e assemblerà sistemi e-axle e si rivolgerà specificamente ai mercati dell’Europa e delle Americhe. La nuova società, Marelli Electric Powertrain Strasbourg (France) SAS, avrà il proprio headquarter presso la sede di Punch a Strasburgo, in Francia, in prossimità dei principali carmaker europei. La joint venture disporrà di una struttura per la produzione, la realizzazione di prototipi e test in loco». 

Più nel dettaglio, Marelli fornirà i motori elettrici e gli inverter, incluso il software, mentre Punch fornirà i componenti del cambio, oltre a contribuire con le proprie competenze in termini di sviluppo e produzione.

I commenti dei top manager

«I punti di forza di Punch e Marelli nel campo della propulsione elettrica sono una combinazione straordinaria. Questa joint venture rappresenta un’importante pietra miliare nella strategia di crescita di Marelli nell’ambito della mobilità elettrica», ha detto Hannes Prenn, Executive Vice President e Ceo di Marelli Electric Powertrain. «Questa collaborazione ci permetterà di espandere ancor di più la nostra offerta unica come fornitore di sistemi completi per propulsori elettrici, che sono integrati dalle nostre soluzioni di gestione termica e della batteria».

«Punch vuole essere un attore primario nel settore dei riduttori in quanto parti del ‘sistema’ e-axle, che rappresenta uno dei componenti essenziali per la mobilità elettrica. La partnership con Marelli ci permette di accelerare e mettere in atto la nostra strategia a lungo termine per la transizione dai sistemi di propulsione alimentati a combustibili fossili a quelli elettrici, fino all’idrogeno», ha aggiunto Guido Dumarey, fondatore e Ceo di Punch.

In primo piano

Investimenti e premi per Deutz

Recentemente Ardan Livvey Investors ha completato l'acquisizione di una quota di minoranza di Deutz. Colonia ha anche ricevuto un premio per la comunicazione aziendale durante Conexpo 2020.
News

Articoli correlati

Volvo Trucks investe sull’elettrificazione del trasporto merci

Con l'inizio delle vendite quest'anno di tre nuovi modelli completamente elettrici per impieghi gravosi, Volvo Trucks ritiene che sia il momento giusto per una rapida ripresa dell'elettrificazione del trasporto pesante su strada. L'obiettivo in Europa è che quasi la metà di tutti i trasporti su cami...

Mta acquista Edn

Mta, azienda conosciuta per lo sviluppo e la produzione di un’ampia gamma di prodotti elettrici ed elettronici per il mondo automotive, ha acquistato l’80 percento delle quote di Edn, una realtà italiana nota a livello globale nei caricabatteria di bordo (Obc) e convertitori di potenza destinati a v...

Nasce Reinova, progetto per il powertrain elettrico

Reinova si occuperà dello sviluppo e della validazione dei componenti per la e-mobility, quindi per veicoli a trazione elettrica, che includeranno anche moduli e pacchi batteria. I servizi inizieranno dalla verifica del design, analisi dei materiali, struttura, competitor analysis, fino al processo ...