kubota

Marelli amplia la gamma di tecnologie di gestione della batteria per veicoli elettrici con il nuovo Wireless distributed Battery Management System (wBms). Questa tecnologia elimina i cablaggi tipicamente necessari nei sistemi di gestione della batteria (Bms, Battery Management System, appunto) con architetture di diverso tipo, consentendo una maggiore flessibilità, efficienza e affidabilità e con una conseguente riduzione dei costi, aspetti cruciali nei veicoli elettrici. Il sistema sarà disponibile dal secondo trimestre del 2022 per supportare i nuovi lanci dei clienti previsti per il 2024. 

Questa soluzione elimina la necessità di collegamenti “daisy-chain” – con configurazione a “margherita” – grazie alla tecnologia wireless che consente la comunicazione tra le batterie e l’unità di controllo. Rispetto alle precedenti soluzioni cablate, il nuovo wBms sviluppato da Marelli riduce il cablaggio del 90% e semplifica la struttura e l’installazione delle celle della batteria. In particolare, il sistema wBms riduce la complessità dell’assemblaggio e garantisce una maggiore flessibilità nel posizionamento dei moduli della batteria. 

La rimozione dei connettori consente una diminuzione del peso e, di conseguenza, una maggiore efficienza energetica, aumentando così l’autonomia del veicolo a parità di carica. Liberando spazio nel pacco batterie, la nuova soluzione consente inoltre l’utilizzo di batterie di dimensioni maggiori, a garanzia di una maggiore versatilità, scalabilità e ottimizzazione: nelle giuste condizioni, batterie più grandi si traducono in prestazioni migliori in termini di potenza, consentendo un ulteriore incremento dell’autonomia del veicolo. 

“Il sistema Bms wireless rappresenta un punto di svolta per l’industria automotive, in quanto elimina la necessità di cavi, connettori e cablaggi tipici dei tradizionali sistemi di gestione della batteria” – ha dichiarato Razvan Panati, Head of Power Electronics Technology della divisione Vehicle Electrification di Marelli. “Il wireless Bms e il sistema Bms cablato di Marelli sono stati sviluppati con architetture di base identiche, supportate però da due modalità di comunicazione e interfacce diverse. La nostra tecnologia può essere così applicata a numerose piattaforme di veicoli con modifiche minime; questa flessibilità garantisce una significativa riduzione dei costi di ingegneria e consente a Marelli di rendere questa tecnologia di fascia alta accessibile al mercato di massa”.

Il sistema wBms di Marelli può essere fornito con un’applicazione software altamente sofisticata che utilizza algoritmi avanzati basati sulla tecnica brevettata “Sensor Fusion”: questi algoritmi stimano diversi parametri fondamentali di ciascuna cella della batteria, tra cui lo stato di carica, lo stato di salute e lo stato di potenza, per garantire un calcolo più accurato dello stato generale della batteria e informare di conseguenza gli altri componenti della propulsione.

In primo piano

La gamma Volvo Penta si amplia con le soluzioni D13

Volvo Penta ha ampliato la sua gamma marina Imo Tier III con nuove soluzioni D13, a dimostrazione dell’impegno dell’azienda a superare le migliori pratiche odierne, innovando allo stesso tempo le tecnologie future.

Tessari Energia e il biometano. REPowerEU

Asso di briscola? È la domanda che si pongono in tanti, riferita al biometano e al bio-Gnl, dopo che la Commissione Europea ha indicato il metano di origine rinnovabile, cioè derivato dalla fermentazione delle biomasse, come un tassello fondamentale del mosaico dell’indipendenza energetica. Abbiamo ...

Volkswagen Group dà il via al riciclo delle batterie

Pochi giorni fa a Salzgitter Volkswagen Group Components ha attivato il primo impianto del Gruppo per il riciclo delle batterie delle auto elettriche. L’obiettivo è il recupero industrializzato di materie prime preziose e di arrivare a un tasso di riciclo superiore al 90 per cento.

Articoli correlati

ZF: il futuro delle applicazioni forestali

All’Elmia Wood di quest’anno a Jönköping, in Svezia, ZF presenta soluzioni di azionamento orientate al futuro per applicazioni forestali: la tecnologia cPower Cvt, per prestazioni più elevate e minor consumo di carburante, e i riduttori Redulus per le grandi trinciatrici.