In un incontro alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop27) 2022 a Sharm El-Sheikh, in Egitto, Man Energy Solutions, insieme alle principali organizzazioni della catena del valore del trasporto marittimo e ai maggiori produttori di idrogeno verde, ha firmato una “Dichiarazione congiunta su Green Hydrogen e Green Shipping”. Il documento impegna tutti i firmatari alla rapida adozione di combustibili verdi a base di idrogeno durante il decennio in corso al fine di ottenere la piena decarbonizzazione entro il 2050 del settore marittimo, che attualmente rappresenta il 3% delle emissioni globali di gas serra. Invita inoltre i responsabili politici a raggiungere questi obiettivi ambiziosi.

Il Ceo Uwe Lauber ha firmato la dichiarazione congiunta a nome di Man Energy Solutions e ha dichiarato: “La decarbonizzazione dell’industria marittima è un’impresa mastodontica ma, credo, realizzabile attraverso la cooperazione con partner industriali che la pensano allo stesso modo. In Man Energy Solutions, riteniamo che l’idrogeno abbia un ruolo chiave da svolgere per raggiungere lo zero netto e il nostro recente e significativo investimento nella nostra controllata per l’idrogeno, H-Tec Systems, intende trasformarla rapidamente in un produttore di massa di elettrolizzatori Pem. Più di ogni altra cosa, il mondo ha bisogno di un’enorme quantità di produzione di idrogeno verde su scala industriale per creare slancio per l’ampia adozione dell’idrogeno come combustibile marittimo”.

La dichiarazione congiunta è stata facilitata da “Campioni di alto livello” del cambiamento climatico – candidati delle Nazioni Unite che collegano il lavoro del governo con le iniziative volontarie e collaborative intraprese da città, regioni, imprese e investitori – e l’organizzazione energetica senza scopo di lucro, Rmi. Oltre a Man Energy Solutions, è stato firmato, tra gli altri, dall’Aspen Institute, dal Global Maritime Forum’s Getting to Zero Coalition, dalla Green Hydrogen Catapult, dall’InterContinental Energy e da A.P. Moller – Maersk.

I firmatari hanno deciso di perseguire la collaborazione intersettoriale per ottenere:

  • navi d’alto mare commercialmente valide, a emissioni zero, dal 2030 con l’intenzione di utilizzare esclusivamente servizi di trasporto marittimo a emissioni zero entro il 2040;
  • l’aumento della produzione di idrogeno verde a 5,5 milioni di tonnellate all’anno entro il 2030;
  • la piena decarbonizzazione del settore marittimo al più tardi entro il 2050.

I firmatari hanno inoltre invitato le autorità internazionali e i governi nazionali a sostenere gli impegni del settore privato con una politica ambiziosa e hanno chiesto in particolare all’Organizzazione marittima internazionale e agli Stati membri di impegnarsi a ridurre del 100% le emissioni nel settore marittimo entro il 2050 con solidi obiettivi intermedi .

In primo piano

Articoli correlati

Unem: pronti a misurare la decarbonizzazione dei trasporti

È stata presentata ieri presso la sede dell’Unem (Unione Energie per la Mobilità) una nuova piattaforma digitale, messa a punto dal Concawe in collaborazione con Ifpen, che confronta le emissioni di CO2 delle auto e dei fuel sull’intero ciclo di vita.
News

Himoinsa riceve l’Operational Excellence Award

In Himoinsa è in corso un importante progetto industriale con l’ampliamento del centro produttivo in Spagna e l’entrata in funzione di nuovi stabilimenti che forniranno una serie di linee di produzione per nuovi prodotti.
News

Punch e l’inclusione

Politiche di inclusione: sette persone appartenenti alle categorie protette saranno avviate al lavoro all’interno di Punch Torino