Le macchine che guidano e lavorano in modo autonomo sono tra le grandi visioni per il futuro del settore edile, che potremmo vedere alla prossima edizione del bauma. “Tuttavia, la ‘vera’ autonomia delle macchine edili è altamente improbabile nel prossimo futuro, perché, a differenza dell’ambiente di lavoro autonomo di una cava o di una miniera, ad esempio, ci sono complesse sfide tecniche e relative alla sicurezza”, afferma Tim-Oliver Müller. Il direttore della Hauptverband der Deutschen Bauindustrie ritiene che sia molto più realistico e realizzabile per il settore edile sviluppare e utilizzare macchine edili “intelligenti” con funzioni semiautomatiche, automatizzate o di supporto – e farlo per processi di costruzione selezionati, come come in lavori di sterro, costruzione di strade o costruzioni pesanti speciali. “Tali soluzioni hanno il potenziale per notevoli aumenti di efficienza e produttività”, afferma Müller. Potrebbero sgravare gli operatori delle macchine da attività ripetitive e faticose.

Una discussione sulla situazione attuale sulla via per le macchine edili autonome o almeno intelligenti è possibile al bauma 2022, la fiera leader mondiale per macchine edili, macchine per materiali da costruzione, macchine da miniera, veicoli da costruzione e macchine edili. La fiera si svolgerà a Monaco di Baviera dal 24 al 30 ottobre 2022, dopo essere stata più volte posticipata a causa della pandemia.

MiC 4.0: gettare le basi per il cantiere del future

In primo luogo, per consentire l’automazione parziale anche nei cantieri più complessi, è essenziale la comunicazione macchina-macchina tra produttori. Insieme all’Associazione principale dell’industria edile tedesca (Hdb), l’Associazione dell’industria dell’ingegneria meccanica (Vdma) vuole creare le migliori condizioni per questo. Per questo motivo le associazioni hanno fondato al bauma 2019 il gruppo di lavoro “Machines in Construction 4.0” (MiC 4.0). I risultati raggiunti da MiC 4.0 negli ultimi tre anni saranno presentati al pubblico specializzato nella sala innovazione LAB0 al bauma.

I cobot riducono i tempi di processo

Maximilian Schöberl della Cattedra di Materials Handling, Material Flow, Logistics presso l’Università tecnica di Monaco prevede che, tra dieci anni, vari cobot saranno attivi nei cantieri. Il termine “cobot” è un portmanteau di “collaborazione” e “robot”. Si riferisce a robot progettati per la collaborazione diretta con gli esseri umani. Schöberl e un gruppo di ricerca della presidenza prevedevano di vedere sviluppi in questa direzione sotto forma di un compattatore a piastre vibranti radiocomandato commercialmente valido. Questo è stato inizialmente reso “pronto per l’automazione” con sensori e unità di controllo appropriati. Alla fine, gli scienziati hanno accoppiato la macchina a un escavatore secondo il principio del seguire il leader: l’escavatore ha creato un piano, mentre il compattatore a piastra vibrante lo ha seguito costantemente in modo indipendente, comprimendo la massa.

Robot mobili dotati di sensori per compiti di ispezione

I robot possono aiutare a monitorare lo stato dei progetti di costruzione, come il ponte Köhlbrand di Amburgo, lungo 3,6 km? Questa è una delle domande su cui stanno lavorando i ricercatori dell’Istituto per la costruzione digitale e autonoma dell’Università tecnica di Amburgo. Per farlo, utilizzano un robot mobile a quattro zampe, l’I-Dog. La macchina ha le dimensioni di un barboncino ed è dotata di sensori per misurare, elaborare e analizzare i dati sulle strutture degli edifici. È anche in grado di registrare e analizzare le vibrazioni, che possono essere utilizzate per rilevare danni strutturali.

In primo piano

Fpt Industrial supporta la Biennale di Venezia

Fpt Industrial conferma il proprio impegno nell’ambito della sostenibilità attraverso l’arte contemporanea diventando Sponsor Tecnico del Padiglione Italia alla 59a Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.

WM Technics: tra terra e ghiaccio

Da oltre trent’anni WM Ice Technics sviluppa e produce macchine di alta qualità per la lavorazione del ghiaccio. In tempi più recenti, sotto il marchio di WM Agri Technics, ha avviato la progettazione e costruzione di mini trattori per vigneti terrazzati

Macchine edili autonome al bauma 2022

Lo sviluppo di macchine edili autonome è attualmente tra gli obiettivi principali sia dei produttori che degli istituti di ricerca. Molti aspetti di questo argomento saranno ripresi al bauma, che si svolgerà a Monaco di Baviera dal 24 al 30 ottobre 2022.

Articoli correlati

Fpt Industrial supporta la Biennale di Venezia

Fpt Industrial conferma il proprio impegno nell’ambito della sostenibilità attraverso l’arte contemporanea diventando Sponsor Tecnico del Padiglione Italia alla 59a Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.

Confronto: 6 cilindri a canna variabile

La 1000 di Rolls-Royce Power Systems si conferma brillantissima, e la rivedremo all’opera prossimamente, insieme a unità più vicine agli 8 che ai 6 litri. Tra gli esacilindrici plafonati poco sopra i 200 chilowatt, da 1,1 litri di cilindrata unitaria, è Cummins a dettare legge. Sul numero di maggio ...