Liebherr, che sta sviluppando soluzioni di iniezione “eco-friendly” per combustibili alternativi, ha presentato l’iniezione diretta H2 come soluzione di azionamento per applicazioni su strada e fuoristrada e ha anche svelato concetti di combustione per motori a idrogeno nella gamma di cilindrata 6-16 litri e 200-450 chilowatt. L’industria della mobilità si sta attualmente concentrando fortemente sulla riduzione delle emissioni di CO2.

Per i veicoli stradali, dalle autovetture fino agli autocarri pesanti, sono già stati definiti obiettivi chiari a livello internazionale. Per le applicazioni off-highway, invece, non sono stati ancora definiti piani vincolanti. Tuttavia, la strategia globale di decarbonizzazione sta mostrando un crescente interesse per l’idrogeno come carburante tra gli Oeme i produttori di motori nei settori on-highway e off-highway. In qualità di partner di sviluppo e fornitore di sistemi per la tecnologia di iniezione rispettosa del clima, Liebherr offre soluzioni per motori a combustione di idrogeno che possono essere utilizzati in applicazioni su strada e fuoristrada.

Liebherr: focus sull’iniezione diretta a bassa pressione

Il lavoro di sviluppo nell’area dei sistemi di iniezione si concentra sull’iniezione diretta a bassa pressione (Lpdi). “Le maggiori sfide sono i diversi processi di combustione e il comportamento dell’idrogeno come mezzo”, spiega Richard Pirkl, technical managing director di Liebherr-Components. “L’iniettore H2 deve garantire un’iniezione stabile, precisa e senza perdite. Per raggiungere questo obiettivo, i nostri esperti a Deggendorf pongono particolare enfasi sulla massima tenuta all’idrogeno”, continua Pirkl. Un concept a 2 valvole assicura che la perdita di idrogeno sia mantenuta il più bassa possibile. A seconda della particolare configurazione, l’iniettore Lpdi è progettato per pressioni di sistema fino a 60 bar. Le applicazioni tipiche di solito si trovano nell’intervallo di 30 bar.

I risultati dei primi test mostrano un comportamento promettente dell’iniettore in termini di velocità di iniezione e capacità di volume ridotto. Il componente copre quindi una vasta gamma di applicazioni. I prototipi attuali consentono agli inserti a vite specifici del cliente di interfacciarsi con la connessione dell’idrogeno. Sono orientati ai tipi di connessione più comuni e offrono la massima flessibilità possibile nello sviluppo del motore. Con il suo design flessibile, l’iniettore di idrogeno Lpdi di Liebherr supporta un’ampia gamma di requisiti specifici del cliente e un’installazione modulare – centrale, laterale e con diverse angolazioni.

Le caratteristiche di utilizzo corrispondono a quelle di un motore diesel

L’obiettivo della tecnologia di iniezione dell’idrogeno di Liebherr è garantire che l’idoneità del sistema di iniezione del gas soddisfi i requisiti transitori del motore. Questo approccio orientato al sistema combina vari componenti per controllare la pressione e il flusso. Lo fa in modo tale che le caratteristiche di utilizzo si avvicinino a quelle di un motore diesel.

In primo piano

John Deere e Rama Motori

L'ultra-trentennale sodalizio tra John Deere e Rama Motori si arricchisce del potenziamento di gamma, in ragione del 18 litri, Diesel of the year

Articoli correlati