Quando la squadra di Green Bay, sull’onda emotiva del “Go! You Packers! Go!” urlato a squarciagola dal pubblico, in netta maggioranza per le divise giallo-verdi del Wisconsin, hanno concluso i primi due quart in vantaggio, l’entusiasmo nella VIP room di Kohler era palpabile.

Kohler e le radici nel territorio

Sebbene quel 20 a 10 sia stato ribaltato in un amarognolo 22 a 27 a favore dei Giants, la sostanza non cambia. Aaron Rodgers, Allen Lazard e Marcedes Lewis rimarranno impressi nella memoria dei fan londinesi dei Packers. L’operazione è riuscita: l’Nfl è sbarcata a Londra, in uno dei templi del football, quello nostrano, con la palla di cuoio rotonda, per intenderci: il Tottenham Hotspur Stadium. Nella suite 219, che ha ospitato il clan Kohler, si è respirato quell’attaccamento tra l’azienda e il suo territorio. I Green Bay Packers sono infatti espressione genuina e universalmente riconosciuta del Wisconsin e la Kohler, che detiene parte delle quote, all’interno di quello che è un esempio di azionariato diffuso. La stessa città di Kohler, toponimo ereditato dalla famiglia che ha fondato l’azienda di arredo bagno, cucine e di generatori che nel 2007 ha rilevato la Lombardini, si trova a poche decina di miglia dallo stadio dei Packers, il Lambeau Field. A dimostrazione di questa fortissima identità regionale i Packers possono vantare tante gare disputate nello stadio di Milwaukee, a breve distanza dagli acerrimi nemici dei Chicago Bears. Tante di questa sono state disputate nel corso degli Anni 60, dominati in lungo e in largo proprio dai paladini del Wisconsin.

Un secolo e mezzo

Quest’anno Kohler spegne la centocinquantesima candelina, sebbene il 2022 sarà impresso negli annali della società come l’anno della scomparsa di Herbert V. Kohler, Jr, al quale è succedo il figlio David. E non c’è solamente l’iniziativa della Nfl a portare lustro al prestigioso genetliaco di Kohler. Oltre alla terza assegnazione del Diesel of the year, grazia al Ksd, c’è l’acquisizione di Curtis Instruments ed Heila Technologies, che sanciscono il salto quantico di Kohler nell’empireo dell’elettrificazione. Infine, basterà attendere poco per vedere al Bauma Monaco gli ibridi con accoppiamento diretto diesel-elettrico e altro ancora.

Kohler
Ve lo proponiamo volontariamente in formato jpg, quindi fotografico, per enfatizzare l’afflato ormai storicizzato del passaggio di Lombardini sotto le insegne del Gruppo Kohler. Appare a pagina 22 dal numero di giugno 2007 di DIESEL

In primo piano

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Isotta Fraschini e il Cis

È pienamente operativo il Cis di Isotta Fraschini a Bari (Centro di innovazione e sviluppo). Un passo deciso verso il completamento del progetta IFuture

Kohler e i carburanti alternativi verso la decarbonizzazione

Si è svolto il 16 e 17 novembre a Reggio Emilia, presso la sede di Kohler Engines, l’evento “Alternative fuels. A sustainable path to engines decarbonization”, un workshop organizzato da Sae-NA, Stems-Cnr e Kohler, sponsorizzato e ospitato da Kohler stessa