bu power

Il rapporto Ieefa, The Carbon Capture Crux – Lessons Learned, ha studiato 13 progetti di punta su larga scala di cattura e stoccaggio del carbonio (Ccs)/utilizzo e stoccaggio della cattura del carbonio (Ccus) nei settori del gas naturale, industriale ed energetico in termini di storia, economia e prestazioni. Questi progetti rappresentano circa il 55% dell’attuale capacità operativa totale a livello mondiale.

L’autore Bruce Robertson afferma che sette dei tredici progetti hanno avuto prestazioni inferiori alle previsioni, due hanno fallito e uno è stato sospeso.

La tecnologia Ccs va avanti da cinquant’anni e molti progetti hanno fallito e continuano a fallire. Molti organismi internazionali e governi nazionali si affidano alla cattura del carbonio nel settore dei combustibili fossili per arrivare a Net Zero, e semplicemente non funzionerà. Sebbene alcune indicazioni possano avere un ruolo da svolgere in settori difficili da abbattere come cemento, fertilizzanti e acciaio, i risultati complessivi indicano un quadro finanziario, tecnico e di riduzione delle emissioni che continua a sovrastimare e sottoperformare”.

Lo studio dell’Ieefa ha rilevato che Shute Creek negli Stati Uniti ha sottoperformato la sua capacità di cattura del carbonio di circa il 36% nel corso della sua vita, Boundary Dam in Canada di circa il 50% e il progetto Gorgon al largo delle coste dell’Australia occidentale di circa il 50% nei suoi primi cinque anni.

I due progetti di maggior successo sono nel settore del trattamento del gas: Sleipner e Snøhvit in Norvegia. Ciò è dovuto principalmente all’ambiente normativo unico del paese per le compagnie petrolifere e del gas”, afferma Robertson. “I governi di tutto il mondo sono alla ricerca di soluzioni rapide all’attuale crisi energetica e climatica, ma attaccarsi inconsapevolmente al Ccs come soluzione è problematico”.

La scorsa settimana il governo australiano ha approvato due nuove enormi aree di stoccaggio di gas serra offshore, affermando che la Ccs “ha un ruolo vitale da svolgere per aiutare l’Australia a raggiungere i suoi obiettivi di zero netto. L’Australia è nella posizione ideale per diventare un leader mondiale in questo settore emergente”.

Ieefa: la cattura del carbonio non è una soluzione

Tuttavia, afferma Robertson, la tecnologia di cattura del carbonio non è nuova e non è una soluzione climatica. “Come mostra il nostro rapporto, la Ccs è in circolazione da decenni, servendo principalmente l’industria petrolifera attraverso il recupero avanzato del petrolio. Circa l’80-90% di tutto il carbonio catturato nel settore del gas viene utilizzato per questo scopo, che a sua volta porta a maggiori emissioni di CO2”.

Circa tre quarti della CO2 catturata ogni anno da impianti Ccus multimiliardari, circa 28 milioni di tonnellate su una capacità di cattura totale di 39 tonnellate a livello globale, viene reimmessa e sequestrata nei giacimenti petroliferi per spingere più petrolio fuori dal suolo.

L’Agenzia internazionale per l’energia afferma che la capacità annuale di cattura del carbonio deve aumentare a 1,6 miliardi di tonnellate di CO2 entro il 2030 per allinearsi con un percorso di zero netto entro il 2050.

“Oltre ad essere irrealistica come soluzione climatica, basata su traiettorie storiche, gran parte di questo carbonio catturato verrà utilizzato per un migliore recupero del petrolio”, afferma Robertson.

La storia mostra che i progetti Ccs presentano importanti rischi finanziari e tecnologici. Quasi il 90% della capacità Ccs proposta nel settore energetico non è riuscita in fase di attuazione o è stata sospesa in anticipo, tra cui Petra Nova e la centrale di gassificazione del carbone di Kemper negli Stati Uniti. Inoltre, la maggior parte dei progetti non ha funzionato ai tassi di acquisizione teoricamente progettati. Di conseguenza, l’obiettivo di riduzione delle emissioni del 90% generalmente affermato dall’industria è stato nella pratica irraggiungibile.

Trovare siti di stoccaggio adeguati e mantenerli è un’altra una sfida importante: la CO2 intrappolata nel sottosuolo deve essere monitorata per secoli per garantire che non ritorni nell’atmosfera.

Il rapporto individua considerazioni intermedie per i progetti Ccs se non vengono trovate soluzioni alternative alla riduzione delle emissioni.

  • È necessario identificare luoghi di stoccaggio sicuri e sviluppare un piano di monitoraggio a lungo termine e un meccanismo di compensazione in caso di guasto.
  • I progetti di cattura del carbonio non devono promuovere un maggiore recupero del petrolio.
  • Per evitare che la responsabilità del progetto venga trasferita ai contribuenti, come è attualmente la situazione con Gorgon, le grandi compagnie petrolifere e del gas che beneficiano principalmente della Ccs nei loro sviluppi del gas devono essere responsabili per eventuali guasti/perdite e costi di monitoraggio dei progetti.
  • Non deve essere utilizzato dai governi per dare il via libera o prolungare la vita di qualsiasi tipo di risorsa a combustibili fossili come soluzione climatica.

Robertson afferma che potrebbero essere fatte ulteriori ricerche sulle applicazioni Ccs nei settori in cui le emissioni sono difficili da abbattere come il cemento, come soluzione parziale provvisoria per raggiungere gli obiettivi netti zero. “Come soluzione per affrontare l’aumento catastrofico delle emissioni nel suo attuale quadro, tuttavia, la cattura del carbonio non è una soluzione climatica”.

In primo piano

Articoli correlati

Deutz adotta codice dei diritti umani

Deutz ha adottato un codice dei diritti umani a livello di gruppo. Documenta la strategia di tolleranza zero dello specialista della guida verso l’abuso dei diritti umani universali, inalienabili e indivisibili.