Al prossimo bauma (24-30 ottobre), la più grande fiera al mondo per l’edilizia, Himoinsa presenterà la sua gamma completa di prodotti “Mobile Power”, che comprende sistemi di accumulo di energia a batteria, torri faro e gruppi elettrogeni a gas e diesel con motori Stage V.

Himoinsa, che quest’anno festeggia il suo 40° anniversario, si è affermata nel mercato della produzione di energia come una delle aziende leader a livello mondiale. L’azienda ha recentemente introdotto nuove tecnologie all’avanguardia e ha sviluppato sistemi di stoccaggio e distribuzione dell’energia a batteria come parte della sua roadmap verso la sostenibilità e il raggiungimento delle zero emissioni.

Il percorso verso la transizione energetica è responsabilità di tutti i produttori di macchinari se vogliamo offrire al mercato attrezzature competitive e rispettose dell’ambiente”, spiega Francisco Gracia, presidente e direttore esecutivo di Himoinsa, che sottolinea che “l’azienda sviluppa costantemente nuovi prodotti , combinando diverse tecnologie di generazione, stoccaggio, distribuzione e illuminazione, il che spiega il nostro impegno a investire circa il 20% dell’Ebitda in ricerca e sviluppo ogni anno”.

In questo contesto, l’elettrificazione delle apparecchiature, la generazione alimentata a gas, l’uso di combustibili alternativi come l’Hvo, insieme alla nuova tecnologia Stage V, forniranno un percorso provvisorio verso l’introduzione dell’idrogeno in un mix energetico che mira a ridurre l’impronta di carbonio il più possibile.

Le soluzioni Himoinsa al bauma: un lavoro a stretto contatto con Yanmar

Himoinsa, che fa parte del gruppo Yanmar dal 2015, rafforza costantemente la propria capacità industriale e lavora a stretto contatto con i dipartimenti di ricerca e sviluppo di Yanmar per lo sviluppo di nuove attrezzature. “La nostra integrazione in Yanmar Energy System è un chiaro segno del nostro impegno a continuare a fornire soluzioni all’avanguardia nel settore della produzione di energia”, aggiunge Francisco Gracia.

Sistemi di generazione e accumulo di energia a batteria

Nell’ambito del processo di elettrificazione delle attrezzature, Himoinsa ha introdotto l’Ehr | Battery Power Generator (<60kWh) sul mercato e sta già lavorando allo sviluppo di potenze più elevate; con unità da 500 kWh e unità da 1 MW in container da 20 piedi e unità da 2 MW in container da 40 piedi. L’Ehr è dotato del Sistema Hiore, una tecnologia di gestione progettata da Himoinsa che consente un uso più efficiente dell’energia. Questo sistema di gestione intelligente seleziona la fonte di energia più favorevole per ogni condizione di ricarica.

Durante il bauma ci sarà una vera e propria demo dell’Ehr in funzione, dove verranno presentati i vantaggi dell’ibridazione con i gruppi elettrogeni, oltre alla notevole riduzione dei costi operativi e al suo impatto positivo sul total cost of ownership. Tutti motivi che aiutano a giustificare il motivo per cui le società di noleggio dovrebbero includere degli Ehr nella loro flotta di attrezzature.

Gruppi elettrogeni a gas

Insieme alle sue attrezzature alimentate a gas, l’azienda presenterà al bauma gruppi elettrogeni diesel Stage V, per i quali ha già sviluppato una gamma completa da 17 a 550 kVA. Sono tutti adatti per l’uso con biocarburante Hvo.

Himoinsa, che sta lavorando allo sviluppo di un portafoglio completo di nuove torri faro diesel, solari e ibride, presenterà a Monaco il suo modello Hbox+, che ha un motore Yanmar 2TNV70 a 2 cilindri, intervalli di manutenzione estesi fino a 600 ore e consumi ottimizzati inferiori a 0,55l/h, che la rendono una delle torri faro più competitive sul mercato europeo con un design rivoluzionario in termini di connettività, efficienza e sicurezza.

I visitatori del bauma potranno saperne di più sui gruppi elettrogeni da 1 MW con motori Yanmar, poiché l’azienda presenterà il gruppo elettrogeno Hryw 1275 D5/6, che si distingue per il basso consumo di carburante grazie al motore AY40 che incorpora l’esclusivo motore brevettato Yanmar con tecnologia di combustione “Assign”.

In primo piano

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Isotta Fraschini e il Cis

È pienamente operativo il Cis di Isotta Fraschini a Bari (Centro di innovazione e sviluppo). Un passo deciso verso il completamento del progetta IFuture

L’e-drive di Keestrack

Keestrack si è presentato a Bauma con una gamma di macchine orientate alla riduzione dell'impatto ambientale. Con un impiego intelligente dell'e-drive che prevede un grande coinvolgimento dell'utilizzatore nelle scelte di configurazione della macchina