Himoinsa, una fonte di energia permanente per le basi di San Martìn ed Esperanza

Himoinsa. Le basi ci San Martin e di Esperanza ricevono energia elettrica dai gruppi elettrogeni HIMOINSA HFW 160 T5 e HFW 350 T5 che sono in grado di funzionare in condizioni climatiche estreme come quelle dell’Antartide.

Himoinsa

Considerando anche la loro posizione remota, i gruppi elettrogeni sono stati trasportati e installati solo grazie al supporto dell’esercito argentino.

Potenza continua h24

Le due unità dei modelli HIMOINSA HFW160 T5 e HFW 350 T5 che sono state installate nelle due basi, sono in grado di fornire a turno una continua fonte di alimentazione. Questi intervalli di tempo vengono utilizzati per effettuare la manutenzione necessaria delle apparecchiature.

La base antartica di San Martín è circondata da imponenti ghiacciai e si trova sugli ultimi metri di roccia di un isolotto. Uno dei paesaggi più belli della penisola. Appartenente alla Repubblica Argentina e fondata nel 1951 dall’esercito del paese, è la prima stazione ad essere stata costruita sul continente e il primo insediamento umano situato a sud del Circolo Polare Antartico.

Durante tutto l’anno la base è abitata da circa 20 persone che svolgono attività legate alla meteorologia e altri rilevamenti scientifici nel laboratorio LASAN (il laboratorio multidisciplinare antartico sulla base di San Martín) dell’Istituto Antartico Argentino.

HIMOINSA

HIMOINSA: DALL’ANTARTIDE A MALTA

La base antartica di Esperanza è situata alle porte della penisola antartica nel bel mezzo di un paesaggio unico, circondato da ghiacciai, montagne e mare. È senza dubbio una delle basi più insolite della penisola. Simile a un piccolo villaggio, con le sue case adagiate sulle pendici di una collina, la base ospita tutto l’anno fino a 80 persone.

Durante la stagione calda accoglie anche più di 1.000 turisti.
Fondata nel 1952, quando fu costruito il faro che porta il suo nome, la base ottenne i titoli dei giornali quando divenne la prima istituzione civile permanente nel continente antartico a testimoniare una nascita umana.

In primo piano

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Isotta Fraschini e il Cis

È pienamente operativo il Cis di Isotta Fraschini a Bari (Centro di innovazione e sviluppo). Un passo deciso verso il completamento del progetta IFuture

L’e-drive di Keestrack

Keestrack si è presentato a Bauma con una gamma di macchine orientate alla riduzione dell'impatto ambientale. Con un impiego intelligente dell'e-drive che prevede un grande coinvolgimento dell'utilizzatore nelle scelte di configurazione della macchina

Rolls-Royce e Semper Power stabilizzano la rete elettrica olandese

Rolls-Royce si è aggiudicata la fornitura e l’installazione di un sistema di accumulo di batterie mtu EnergyPack QG chiavi in mano alla società energetica olandese Semper Power a Vlissingen. Quando entrerà in funzione nella primavera del 2023, sarà il più grande sistema di accumulo di energia nei Pa...