DOTY 2020

Gruppo Arbos, macchine alla frusta nel nuovo Engineering Center

Arbos Group, nella sede storica di Goldoni a Migliarina di Carpi apre il nuovo Engineering Center. Ben 3.100 metri quadrati consacrati allo studio e alle sperimentazione delle novità progettuali della casa, grazie al contributo di 57 ingegneri (11 Responsabili di funzione e 46 disegnatori) e ad un’area testing coi fiocchi. La nuova struttura è stata aperta poche settimane fa, e nasce dall’unione del preesistente Centro di Ricerca e Sviluppo Goldoni (azienda entrata a fine 2015 nel perimetro della famiglia Arbos) e dal completo trasferimento (di strutture e competenze) di Lovol EU Engineering, dove, nel precedente quinquennio, sono stati sviluppati tutti i modelli Arbos da pieno campo.

Arbos, check per motore e trasmissione

Tra le caratteristiche distintive del nuovo Engineering Center del gruppo Arbos (fatturato oltre 80 milioni di euro) vi è l’area testing da 1.050 metri quadri, divisa in sette aree e allestita con strutture modulari e moderne. Lo scopo? Valutare e validare tutta la gamma prodotto del gruppo, passando dai trattori specializzati per lavorazioni in frutteto e vigneto, alla gamma da pieno campo di alta potenza fino a 270 cavalli. Scendendo nello specifico, le funzionalità della trasmissione sono messe alla frusta nei test bench ‘Functional‘ ed ‘Endurance‘, mentre il motore è re indiscusso del banco di prova ‘Pto‘, deputato a misurare le prestazioni del propulsore analizzando curve di coppia e di potenza attraverso presa di forza. Arbos ha stretto una forte partnership con Kohler, che ha trovato qui terreno fertile per la fornitura del top di gamma, il Kdi3404 da 100 chilowatt.

Una postazione tecnologica per le componenti elettroniche

Successivamente, nello spazio ‘Structural‘, vengono stimolati i carichi a cui può venire sottoposta la macchina agricola, oltre che sottoposte a complicati calcoli le performance strutturali di materiali e componenti. Le prestazioni degli assali e delle componenti idrauliche sono al centro dell’attenzione nell’area ‘Steering’, mentre nel ‘Tilting’ vengono valutati lubrificazione, temperatura e assorbimenti della trasmissione in qualsiasi condizione di pendenza. La postazione tecnologica ‘Electronic lab’ è concepita per il check di componenti elettriche ed elettroniche. I processi produttivi all’interno della sede produttiva sono stati razionalizzati ricorrendo a soluzioni innovative e a metodologie attinte al mondo della ‘lean manufacturing’. Una nuova linea di assemblaggio con capacità di quasi 3mila unità annue è dedicata alle gamme da campo aperto Arbos Serie 5000, 6000 e 7000.

2018-11-07T12:07:36+01:0030 Ottobre 2017|Categorie: UOMINI&AZIENDE|Tag: , , |

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio