Gaussin e l’idrogeno, una relazione che lo specialista francese in soluzioni ingegneristiche ha sviluppato per le applicazioni diportistiche, traslando le competenze saldamente radicate nelle soluzioni logistiche (un altro esempio dell’attenzione verso l’idrogeno per la nautica proviene dal Giappone).

Gaussin porta l’idrogeno al cospetto della famiglia Grimaldi

Gaussin ha infatti annunciato la partecipazione al Monaco Yacht Show 2021, che si terrà nel Principato dal 22 al 25 settembre. Gaussin ha scelto questo evento, luogo d’incontro fondamentale per i principali produttori ed esperti dei mega-yacht, per presentare la sua soluzione di propulsione eco-compatibile. Cosa si intende per eco-compatibile? Le premesse riguardano l’industria dei superyacht, allineata al settore automobilistico, che secondo i francesi rappresenta un terreno ideale per testare e perfezionare soluzioni sostenibili che possono essere applicate all’intero settore nautico. Con una base di clienti che ha le risorse per sostenere la sostenibilità e molti esperti che possono abbracciare il cambiamento, c’è l’opportunità di costruire un’industria dello yachting sostenibile e a prova di futuro e un modello per il settore marittimo.

Entrando più nel dettaglio…

Progettato nel 2011 da Gaussin e sviluppato in collaborazione con la Commissione francese per l’energia atomica e le energie alternative (CEA-Liten), il Powerpack è una soluzione compatta, modulare e versatile che combina i componenti necessari per l’accumulo di energia, la supervisione e la gestione termica. I Powerpack Full Elec e H2 utilizzano le ultime generazioni delle tecnologie delle batterie e delle celle a combustibile. Si ragiona dunque dell’inevitabile incontro tra accumulo e produzione di idrogeno, con le due opzioni Powerpack Full Elec e H2 – possono essere combinate sulla stessa barca in un’alimentazione dual sorce. Sono tre le applicazioni nel settore marino:

1) L’erogazione di energia per l’alimentazione da terra, che fornisce energia all’imbarcazione, disattivando così i generatori e sostituendo così il consumo di diesel dell’imbarcazione;

2) Come Fonte di energia primaria per una barca effettivamente a zero emissioni.

3) La terza modalità è ibrida, per navigare in elettrico vicino alla costa e alle aree protette, riducendo l’impatto acustico e azzerando le emissioni allo scarico.

gaussin idrogeno

Si tratta di una soluzione modulare, adattabile dunque ad ogni barca, in base alle caratteristiche costruttive, alle potenze, all’utilizzo e al ciclo di lavoro. Secondo i test in mare effettuati da Gaussin, il Powerpack si è dimostrato efficiente e affidabile rispetto agli sbalzi termici, agli urti, alle vibrazioni e alla nebbia salina. Un esempio applicativo è uno scafo di 70 tonnellate per gli ambienti portuali.

In primo piano

Articoli correlati

Salone di Genova 2021

Abbiamo respirato ottimismo il primo giorno del Salone Nautico di Genova 2021. Punch Hydrocells e Castagnola Yacht, Cummins B4.5, ibridi

Hyundai Doosan porta il Dx12 in mare

Hyundai Doosan Infracore ha lanciatola versione marina del DX12 omologata Imo Tier 3, con l'obiettivo di aumentare le quote di mercato in Europa e Nord America