Fpt Industrial ha le idee chiarissime su come aggredire la sfida epocale alla decarbonizzazione e all’edizione 2022 dello Iaa di Hannover le ha svelate una ad una.

Fpt allo Iaa 2022: il Cursor 13 diventa multifuel

In primissima battuta sotto le luci dei riflettori è finito l’XC13, che racchiude in nuce il potenziale ‘disruptive’ del Cursor X. Di cosa si tratta è presto detto. Il 13 litri è pronto a digerire gasolio e gas naturale, quindi anche il biometano, l’idrogeno e i carburanti rinnovabili, quindi Hvo e affini, con un monoblocco che garantisce la massima standardizzazione. In merito all’aspetto prestazionale la versione diesel eroga 600 cavalli (441 chilowatt) e 2.850 Newtonmetro, più 5 percento di potenza e più 14 percento di coppia rispetto al Cursor 13 convenzionale. La versione a metano sale invece di 13 gradini percentuali la scala della potenza e di ben 25 quella del momento torcente rispetto al C13 NG, con 520 cv (382,3 kW) e 2.500 Nm (notare il gap di appena il 10 percento della coppia tra l’alimentazione diesel e quella gas). Anche la potenza di frenata raggiunge le migliori prestazioni della categoria, con un incremento del 29 percento sulla versione diesel (fino a 530 kW a 2.300 giri) e il 300 percento sul modello a metano (fino a 245 kW a 2.300 giri). Infine, i benefici sotto l’occhio spietato dell’ago della bilancia: la cura dimagrante ha fatto il 10 percento del peso, equivalenti a 100 chili per il diesel e 80 chili per la versione a metano, grazie alla fusione in ghisa grafitica compattata per la testata e il blocco cilindri, che riduce lo spessore delle pareti e migliora la resistenza termo-meccanica.
L’accresciuta efficienza della combustione deriva dal rinnovato sistema di iniezione del carburante e da una pressione di picco più elevata nei cilindri, alla riduzione degli attriti e della velocità, al nuovo turbo a flusso diviso, alla gestione intelligente delle apparecchiature ausiliarie e al software proprietario di Fpt Industrial per il controllo integrato della combustione e del post-trattamento.

fpt iaa 2022
Un assale elettrificato di Fpt Industrial

E gli assali elettrici?

Dall’area e-powertrain, sulla quale Fpt Industrial sta investendo in termini di ricerca e infrastrutture, proviene l’assale eAX375-R. Questo assale elettrificato si adatta ai veicoli medi 4×2/6×2 e ai pesanti 6×4, e dispone di un set di ingranaggi a due velocità. L’eAxle di seconda generazione è stato progettato per essere completamente scalabile e soddisfare le esigenze specifiche di un’ampia gamma di applicazioni.

Della famiglia e-powertrain anche il Central Drive 140 elettrico, un retrofit per l’integrazione di sistemi di trazione elettrica in veicoli commerciali leggeri e minibus dal peso lordo fino a 8 tonnellate. L’eCD 140 eroga una potenza di picco fino a 140 kW e una coppia per asse fino a 1,6 kNm; è progettato per applicazioni a trazione posteriore e offre efficienza (>92%) e durata (fino a 350 km). Incorpora un sistema di blocco del parcheggio per la sicurezza ed è facilmente adattabile a soluzioni ibride.

fpt iaa 2022
Qui, il pacco batterie per autobus, in collaborazione con Microvast

Si sale in autobus. Con Microvast

Le batterie per le applicazioni più fertili e ricettive del dogma elettrico (commerciali, minibus e autobus urbani) sono finora state sviluppate in collaborazione con Microvast, che si occupa dei moduli e delle celle. Fpt Industrial cura l’alloggiamento e gestisce la completa integrazione. Allo stand Fpt abbiamo apprezzato la nuova generazione di batterie da 69 kWh per autobus, caratterizzate da elevata densità energetica e versatilità, per favorire la modularità.

BEYOND IVECO GROUP

In primo piano

Articoli correlati

Il motore del futuro secondo l’Uiga

Il sondaggio “Il motore del futuro” organizzato dall’Uiga, Unione Italiana dei Giornalisti Automotive, si è chiuso il 31 agosto. Il pubblico è stato al voto elettronico mediante l’esposizione dei modelli d’auto rappresentativi delle diverse tipologie di alimentazione oggetto di voto: ibrido benzina/...

Rampini presenta l’autobus a idrogeno che parla italiano

È costruito e progettato in Umbria il primo autobus a idrogeno completamente made in Italy e a produrlo è Rampini, una realtà imprenditoriale innovativa situata da ottant’anni in provincia di Perugia. La presentazione al pubblico è prevista all’interno di Next Mobility Exhibition (Fiera Milano Rho, ...