Fpt e lo Yacht Club di Portorotondo, come dire, gli investimenti di Fpt nella tecnologia nautica e nel potenziamento dell’offerta, sia diportistica che commerciale (gli esempi che avete trovato cliccando si riferiscono al top di gamma marino, Diesel of the year 2014) si traducono in un supporto attiva all’infrastruttura e alla promozione del sistema nautico italiano.
Vi riportiamo dunque le informazioni ricevute, con include contributi dello Yacht Club di Portorotondo e dells stessa Fpt.
Fpt e la Marina di Portorotondo
Yacht Club Porto Rotondo

Fpt e lo Yacht Club di Portorotondo

Partnership tecnica tra il brand motoristico di Cnh Industrial e la Fishing Division di uno dei più prestigiosi Yacht Club al mondo. Eì stato fondato nel 1985 da un gruppo di appassionati del mare e gemellato con importanti Yacht Club italiani e internazionali. Attualmente, è presieduto da Roberto Azzi e Sandro Onofaro per la divisione di pesca.

Una Partnership che inaugura la prima Marina ‘Powered by Fpt’.

Progetto che ha come obiettivo la promozione del Brand e soprattutto della sua divisione dedicata ai propulsori marini in ambito sia commerciale che pleasure.
Tramite questa collaborazione, Fpt Industrial vuole avvicinarsi fisicamente ai propri clienti finali coltivando i propri valori di umanizzazione e ‘customer centricity’.
Attualmente, Fpt Industrial produce 7 tipologie di motori marini commerciali e 8 tipologie dedicate al diporto. Tra i principali modelli:
  • C16 1000 da 735 kW, capace di generare elevati livelli di densità di potenza e coppia associati a un ridotto consumo di carburante e un impatto ambientale contenuto
  • C16 600 da 578 kW, in grado di fornire la potenza di un motore da 18 litri nell’architettura di uno da 13
  • C90 650 Evo da 478 kW, che garantisce elevate pressioni di iniezione e precisioni di fasatura in qualunque condizione operativa, con conseguente maggiore efficienza e rapidità di risposta ad ogni regime
  • N67 570 Evo da 331 kW leggero, compatto e con costi operativi ridotti per fornire potenza specifica elevata con consumi minimi.
A tutti questi motori può essere abbinato il sistema di controllo integrato per la nautica Red Horizon, sviluppato da Fpt Industrial in collaborazione con ZF, fornitore di soluzioni tecnologiche per la mobilità di nuova generazione, e Navico (Simrad), produttore di elettronica per la nautica.

Red Horizon rappresenta l’integrazione più avanzata di tecnologie per la nautica in termini di motori, sistemi di monitoraggio e controllo.

Combinando le soluzioni tecnologiche più avanzate sviluppate da tutti i partner, Red Horizon garantisce il pieno controllo della navigazione con il massimo livello di sicurezza. Non solo, anche il miglior comfort di pilotaggio, grande facilità di manovra e semplicità di attracco.
L’evento inaugurale si è svolto su invito e a numero chiuso, nel rispetto delle vigenti norme sul distanziamento sociale. Hanno preso parte i rappresentanti del direttivo dello Yacht Club Porto Rotondo e di Fpt Industrial.

Dice lo Yacht Club 

Di seguito, le parole di Sandro Onofaro, Capitano Igfa (International game fishing association) e Guida Federale di pesca sportiva. Onofaro è anche Recordman europeo di pesca in mare dalla barca e Direttore della Ycpr Fishing Division, la divisione pesca dello Yacht Club Porto Rotondo

«Il nostro obiettivo è quello di promuovere nel territorio di Porto Rotondo eventi di pesca di alto livello che possano soddisfare le richieste di professionisti esigenti e delle loro imbarcazioni. Questa partnership con Fpt Industrial – leader nel campo dei motori marini – ci unisce nel coltivare al meglio non solo l’attenzione per la salvaguardia del mare, ma anche la passione per le sfide e per la competizione leale.
Ci permetterà inoltre di fare un ulteriore salto di qualità che consentirà a Porto Rotondo di entrare definitivamente nell’olimpo degli hot-spot preferiti dai pescatori sportivi di tutto il mondo». 
Roberto Azzi, Presidente dello Yacht Club Porto Rotondo, spiega così.
«L’accordo di collaborazione con FPT Industrial che celebriamo oggi è l’ideale proseguimento e completamento della politica di gemellaggi con altri prestigiosi club sparsi nel mondo. Da Cape Town a Punta del Este, da Plymouth a Cuba, solo per citarne alcuni, che il nostro sodalizio promuove da diversi anni.
Poter contare sulla collaborazione e l’esperienza di un partner che ha al suo attivo, solo nel settore dei motori marini, un numero impressionante di vittorie e di record mondiali, contribuirà ad amplificare ulteriormente la notorietà di Porto Rotondo come destinazione must per un turismo alla ricerca dell’eccellenza a 360 gradi e del nostro Yacht Club come punto di incontro e di riferimento per chi vuole vivere il mare in modo attivo, dinamico e sportivo». 

E, infine, Fpt Industrial, nelle parole di Carlo Moroni, Head of Brand Communication di FPT Industrial.

«A nome di FPT Industrial, posso affermare di essere veramente felice e orgoglioso di questo accordo che ci assegna il prestigioso ruolo di Technical Partner con uno Yacht Club d’eccellenza. Nella nostra visione, l’accordo rappresenta il primo tassello di una strategia mirata a esportare il concetto di vicinanza tangibile al nostro brand nonché a ribadire il nostro supporto verso iniziative sportive che hanno l’obiettivo della tutela e dello studio del mare. Quest’ultimo è per noi è un elemento molto importante è l’abbiamo dimostrato in passato anche con la realizzazione del progetto A pesca di plastica.

In primo piano

John Deere e Rama Motori

L'ultra-trentennale sodalizio tra John Deere e Rama Motori si arricchisce del potenziamento di gamma, in ragione del 18 litri, Diesel of the year

Articoli correlati