Fieragricola 2018: tanto Deutz ma non solo tra Landini, Kubota e Merlo

Fieragricola 2018: Dieci padiglioni, oltre mille espositori dislocati su 57mila metri quadri di superficie netta, un’area demo esterna di 7.500 metri quadrati, delegazioni commerciali in arrivo da 33 paesi esteri. Sono le cifre di Fieragricola 2018 in programma a Verona dal 31 gennaio al 3 febbraio. Va bene, ma le novità? È presto detto: Bcs, ne abbiam già parlato, presenterà il trattore Volcan L80 (forte di motore Kohler da 55 chilowatt); Landini sfoggerà il 6-135H con motore Deutz da 3,6 litri Tier 4 Finale e la serie 5 con Deutz da 3,6 litri Tier 4 Interim; Kubota si presenterà col telescopico agricolo KTH4815 motorizzata dal V1505-T quattro cilindri, Merlo lancerà la nuova famiglia Multifarmer Medium Duty.

Landini-6-135H_-2018

Landini e Deutz sotto i riflettori di Verona

Ma andiamo con ordine. A Fieragricola 2018 o stand Landini avrà come principale protagonista la nuova serie 6H. Primizia è il trattore 6-135H, con motore Deutz da 3,6 litri Tier 4 Final, in grado di raggiungere una potenza massima di 126 cavalli con molteplici varianti di trasmissioni (partendo da inversore idraulico: 12+12 fino a 48+16 con HML e superriduttore). Il mezzo ottempera la Mother Regulation, così come l’intera gammna, completata dai modelli Landini 6-125H e 6-115H con potenze massime rispettivamente di 119 e 110 cavalli. Tutto finito? Nient’affatto: anche la serie 5 si presenterà rinnovata. La gamma, che deriva dalla precedente Serie 5D ed è disponibile nelle potenze 99, 107 e 113 cavalli, è equipaggiata con motore Deutz da 3,6 litri Tier 4 Interim con solo catalizzatore Doc e senza Scr.

Il Landini Rex 4 si mette la piattaforma

Infine, sempre per Landini occuperà la scena la gamma specialistica Rex 4 nella versione con piattaforma. Equipaggiato con motori 4 cilindri Deutz Tier 4 Interim da 2,9 litri (TCD L4) dotati di sistemi di trattamento gas di scarico Egr+Doc e di dispositivo Engine Memo Switch che memorizza i giri del motore, Landini REX 4 è disponibile in 6 modelli da 70 a 112 cavalli e 4 versioni. Anche la versione con piattaforma è disponibile con cambio a 4 o 5 marce con opzione HI-LO (Power Five) per raggiungere fino a 40+40 velocità; inversore meccanico o idraulico, innesto elettroidraulico della PdF a 1 o 2 velocità, con o senza sincronizzazione, molteplici configurazioni idrauliche asservite da una pompa doppia con portata totale di 82 litri al minuto e assali anteriori limited slip con raggi di sterzata minimi e disponibili anche con freni. Un mix di soluzioni che garantiscono la massima produttività.

Kubota, telescopico agricolo da 44 cavalli

E Kubota? La casa nipponica prova a farsi largo nel dinamico mercato dei telescopici agricoli con il nuovo modello compatto KTH4815, una macchina versatile da 2.950 chili di peso in grado di sollevare fino a 14 quintali a un’altezza massima di 4,8 metri. Sotto la scocca batte il 4 cilindri V1505-T da 1.498 cc in grado di erogare una potenza di 32,3 chilowatt. La trasmissione idrostatica con trazione integrale permanente è caratterizzata da due gamme di velocità (velocità massima 25 chilometri orari). L’inversore elettrico è integrato nel joystick multifunzione.

kubota-KTH-4815

Merlo con la nuova famiglia Multifarmer

In occasione di Fieragricola 2018, a Verona, Merlo annuncia il lancio sul mercato Italia della nuova famiglia Multifarmer Medium Duty, che sarà disponibile a partire dal secondo semestre del 2018 e che affiancherà la gamma dei fratelli maggiori Multifarmer Heavy Duty 40.7 e 40.9 odierna. A mollare gli ormeggi saranno i modelli 34.7 e 34.9, pensati per chi desidera una macchina molto versatile pensata per essere il tuttofare in azienda sfruttando sia il braccio telescopico (altezze operative di 7 o 9 metri), la presa di forza meccanica, il gancio di traino (con portata fino a 20 Ton) e l’attacco a 3 punti posteriore categoria II (da 4000 kg di capacità di sollevamento). I nuovi modelli Multifarmer 34.7 e 34.9 impiegano di serie le innovative soluzioni tecnologiche come il sistema EPD EcoPowerDrive che assicura una notevole riduzione dei consumi e una ridotta emissione sonora. Inoltre il sistema EPD, consente di scegliere tra 3 differenti modalità di lavoro: carico gravoso, controllo velocità e joystick autoaccelerante. In questo modo può adeguare le prestazioni della macchina alle diverse esigenze operative.

Riservatezza sul fronte motoristico ma Merlo, si sa, ha un rapporto privilegiato con Deutz. I Turbofarmer nella migrazione al Tier 4 Final hanno fatto ricorso al Tcd3.6 di Deutz.

TRATTORI HA FATTO IL PUNTO AL SIMA DI PARIGI

Ne sapremo di più a breve, a Verona Fiere…

2018-11-07T12:07:28+01:0030 Gennaio 2018|Categorie: INDUSTRIALI|Tag: , , , , , , , , , , , , , , |

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio