Si è svolta il 18 novembre, a villa Fenaroli di Rezzato (Bs), l’assemblea di Federtec, con un interessante convegno sulle prospettive dell’industria italiana.

Nella mattinata hanno avuto luogo le assemblee di Assiot e Assofluid, federate in Federtec, con l’elezione dei nuovi presidenti e consigli direttivi. Assiot, l’associazione italiana dei costruttori di organi di trasmissione e ingranaggi ha scelto Mauro Rizzolo, mentre Assofluid, l’associazione italiana dei costruttori ed operatori del settore oleoidraulico e pneumatico, ha designato come proprio presidente Luca Riva. Per l’occasione Fausto Villa, presidente di Federtec, ha annunciato l’avvio di un percorso che porterà nei primi mesi del 2022 alla fusione nella federazione di Fndi (Federazione nazionale della distribuzione industriale) che porterà a una maggiore visibilità e sinergia.

Federtec e le sfide dell’industria italiana

Nel pomeriggio si è svolto un interessante convegno dal titolo “L’industria italiana: sfide del mercato e prospettive tecnologiche”, al quale sono intervenuti, oltre al presidente Fausto Villa, Giuseppe Lesce, presidente Federmacchine, Ciro Rapacciuolo, del Centro Studi Confindustria, Marco Taisch, professore ordinario del dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano, e Mariangela Tosoni, presidente Fndi.

Gli interventi si sono focalizzati su un’attenta analisi dei dati relativi alla ripresa post-Covid.

Mentre i consumi crescono timidamente – sottolinea Giuseppe Lesce – gli investimenti sono il vero traino del recupero. Inoltre sia l’importazione che l’esportazione sono in forte espansione, con crescite che si aggirano intorno al 25%, e anche in Federmacchine i dati sono molto positivi, con un notevole incremento degli ordini nonostante il ritardo dovuto alla crisi delle supply chain”.

I temi critici da affrontare rimangono l’aumento del prezzo delle materie prime, l’incertezza nei tempi di consegna, la scadenza degli incentivi Industria 4.0. “Per reagire a questo momento storico – conclude Lesce – sarà fondamentale la gestione dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza e le imprese dovranno affrontare una doppia trasformazione, digitale ed ecologica, affinché la crescita sia duratura e sostenibile”.

I dati sono confermati da Ciro Rapacciuolo, del Centro Studi Confindustria: “A livello globale siamo vicini al livello pre-crisi, in Italia un po’ meno, ma ciò che salta all’occhio è il livello degli investimenti, soprattutto nel settore delle costruzioni. Con l’eccezione di alcuni settori, come i trasporti e il turismo, il trend di crescita è ripreso anche se lentamente: nell’industria +1,5 e +1,2 rispettivamente nel primo e nel secondo trimestre. Le previsioni di Draghi, di una crescita del Pil del 6% per il 2021 e 4% per il 2022, si stanno avverando”.

Marco Taisch del Politecnico sottolinea come in ogni crisi vi siano elementi positivi e di sfida: “Dobbiamo adattarci a un ‘new normal’, non viviamo più in equilibrio statico, ma i fenomeni ci costringono a evolverci in una nuova normalità, dove il ruolo delle tecnologie digitali è al centro: se non siamo abbastanza digitali, non entreremo nemmeno nell’arena competitiva”.

In primo piano

John Deere e Rama Motori

L'ultra-trentennale sodalizio tra John Deere e Rama Motori si arricchisce del potenziamento di gamma, in ragion del 18 litri, Diesel of the year

Se il diesel inquina meno…

Vi presentiamo uno studio accurato che rilancia le quotazioni del gasolio. Transizione energetica dei Classe II, passare al gas mantenendo una quota di diesel di ultima generazione può generare meno emissioni di una consacrazione rapida dell’Lng. Il Politecnico di Milano ha studiato gli indirizzi pe...

Articoli correlati

Iveco: più di 1.000 camion a metano ordinati da Amazon

La multinazionale delle consegne e dell’e-commerce Amazon ha ordinato un totale di 1.064 camion Iveco S-Way Cng alimentati a metano per supportare le operazioni in Europa. Più in dettaglio, il primo lotto di 216 unità è già stato consegnato, mentre le consegne di 848 camion aggiuntivi dovrebbero avv...
News

Deutz Days 2021

Durante i Deutz Days 2021 al Coreum di Stockstadt am Rhein, l’azienda tedesca ha svelato visione e tecnologie per l’elettrificazione e le applicazioni dell’idrogeno
News

Kohler Ksd. Il piccolo che ragiona da grande

La famiglia Kohler Ksd è il volto nuovo dell'universo motoristico industriale, annunciato martedì 23 novembre. Cilindrata di 1,4 litri, 18,4 kW, fino a 120 Nm, iniezione con precamera e gestione elettronica, per soddisfare i requisiti di compattezza e brillantezza prestazionale
News

Walterscheid Powertrain Group acquisisce Ifa Kardan

Walterscheid Powertrain Group ha completato l’acquisizione della società tedesca Ifa Kardan, che dal 1959 sviluppa alberi cardanici e giunti per i mercati dell’agricoltura, delle costruzioni e dei veicoli speciali.
News