DOTY 2020

Diesel bio? Con le alghe

Diesel e alghe, un’equazione che su DIESEL abbiamo lanciato già nel 2015. All’epoca si ragionava di Algamoil, che dalla nutraceutica o stava traghettando verso i biocarburanti. Ci troviamo a Modena e in ballo (vedi il box) c’era addirittura la Maserati (nel PDF l’articolo completo). Ci spostiamo nel Regno Unito, dove uno studente della Brunel University di Londra ha avuto un’idea: LumoFuel.

Diesel e alghe

Render di LumoFuel

Diesel e alghe: LumoFuel

Il neolaureato si chiama Charlie Wilson. È lui il ‘papà’ di LumoFuel, ‘bioreattore’ domestico delle dimensioni di una lavatrice. Utilizza alghe per trasformare la CO2 e la luce del sole in un bio-combustibile.

«Le alghe sono state sperimentate per oltre 20 anni come un modo per produrre biocarburanti ed energia»

Questo quanto detto da Wilson, che ha progettato LumoFuel come parte della sua laurea in Industrial Design and Technology alla Brunel University di Londra.

 

 

«Il problema maggiore, però, è stato l’aumento di scala, nel momento in cui provi a commercializzarlo. Coltivando alghe in grandi corsi d’acqua, finisci per dover immettere più energia di quanta ne esca. Diventa come una macchina a moto perpetuo».

La soluzione di Wilson non è quella di ridimensionare le cose, ma di ridurle.

LumoFuel utilizzerà una specie di alghe a crescita rapida chiamata Nannochloropsis Oculata. Fotosintetizza la CO2 e la luce in ossigeno ed energia, che le alghe immagazzinano come lipidi. Il dispositivo funziona in cicli di un giorno, raccogliendo e lavorando metà della sua colonia di alghe nel sistema, mentre il resto impiega circa 24 ore per raddoppiare la sua biomassa fino a raggiungere la piena densità, pronto per il ciclo successivo.

“Le alghe vengono raccolte utilizzando una centrifuga interna, che le separa dal fluido in cui sono cresciute prima che i lipidi densi di energia vengano estratti dalle cellule e combinati con metanolo e idrossido di sodio – un alcol e un catalizzatore – per produrre un biodiesel che può essere pompato direttamente in un veicolo diesel inalterato, o utilizzato per applicazioni come il riscaldamento e la cottura”

Decentrare la produzione

«Decentrando la produzione e spostandola in casa, abbiamo tagliato tutto. Dalla piattaforma petrolifera alla stazione di servizio, perché produciamo solo il nostro carburante con l’unico input che è la luce del sole, catturato con pannelli solari, alcune bottiglie di prodotti chimici molto economici e CO2»

Queste le parole di Wilson, che sta lanciando il concetto online come parte della vetrina annuale di Brunel, Made in Brunel, che quest’anno farà parte del London Design Festival.

«Gli unici sottoprodotti saranno la biomassa inutilizzata delle alghe, il glicerolo e l’ossigeno. Questi possono essere tutti riciclati in una vasta gamma di prodotti – dagli integratori alimentari e fertilizzanti, alle bioplastiche».

Invece di prelevare la CO2 direttamente dall’atmosfera, LumoFuel utilizzerà i gas raccolti dalle canne fumarie industriali – una tecnica già comunemente usata dall’industria delle bevande analcoliche.

“Quindi, invece di mettere la CO2 in una bibita gassata – che poi fuoriesce di nuovo quando si apre la lattina – la prenderemo e la convertiremo in ossigeno puro usando le alghe”. Usando solo 4 kWh di potenza al giorno e piccole quantità di metanolo e idrossido di sodio, LumoFuel dovrebbe, in teoria almeno, essere in grado di produrre 3 litri di carburante al giorno.

Sebbene LumoFuel non eliminerebbe i problemi di inquinamento causati dai carburanti diesel standard, le auto alimentate a biodiesel soffrono di una minore usura del motore, il che significa che le auto possono potenzialmente durare più a lungo ed emettere meno gas di scarico tossici.

Ci sono ancora molti test fisici da fare. Idealmente, il prossimo passo sarà quello di sviluppare un prototipo fisico e trasmetterlo agli utenti finali per un feedback, prima di assicurarsi il finanziamento per un prototipo completamente funzionante”.

 

2020-10-02T20:48:26+02:0022 Settembre 2020|Categorie: FOCUS|Tag: , , |

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio