Nel primo semestre del 2022 gli ordini di Deutz sono saliti a circa 770 milioni di euro e il PowerTree ha ricevuto il primo ordine di produzione seriale. Iniziamo con i risultati decisamente incoraggianti del primo semestre 2022. Prossimamente ritorneremo diffusamente sul PowerTree, che abbiamo conosciuto al Coreum ed è stato richiesto da Kteg, Oem del construction.

Il 2022 (fino a giugno) di Deutz

«Nonostante lo scoppio della guerra in Ucraina, abbiamo aumentato il nostro fatturato di circa il 21 percento, raggiungendo i 930,4 milioni di euro. Allo stesso tempo, abbiamo aumentato il nostro margine Ebit rettificato di 2,4 punti percentuali, raggiungendo il 4,6 percento. Vogliamo sostenere questa crescita, perché la strada da percorrere per raggiungere il target previsto è ancora lunga. Abbiamo compiuto i primi importanti passi verso il raggiungimento di questo obiettivo, ad esempio concentrandoci sulla gestione disciplinata dei costi», ha esternato Sebastian C. Schulte, da inizio anno presidente e amministratore delegato dell’azienda renana. Guardando alla seconda metà del 2022 di Deutz, aggiunge: «Il nostro portafoglio ordini ammontava a più di tre quarti di miliardo di euro alla fine di giugno e si trovava quindi a un livello molto alto. Ciò significa che stiamo affrontando i prossimi mesi da una posizione solida. Tuttavia, la nostra guidance per l’intero anno è ancora soggetta a modifiche. La situazione dell’offerta rimane difficile e le implicazioni geopolitiche della guerra in Ucraina sono molto incerte. La traiettoria delle condizioni macroeconomiche è preoccupante e sottolinea ancora una volta la necessità di rendere Deutz ancora più resistente alle crisi economiche. Tuttavia, stiamo facendo buoni progressi su questo fronte».

Qualche info su Colonia e dintorni

All’inizio del 2022, l’azienda ha avviato un processo strategico denominato Powering Progress, per garantire la competitività a lungo termine. Gli obiettivi comprendono il miglioramento delle prestazioni commerciali e delle capacità tecnologiche dell’azienda. A tal fine, sono state definite quattro aree d’azione prioritarie e una serie di iniziative, come il trasferimento dei maggiori costi ai clienti nel breve termine sotto forma di cicli multipli di aumenti di prezzo e l’istituzione di un processo di revisione completa dei prezzi nel settore Classic. L’obiettivo per il 2022 è di attuare aumenti di prezzo tra l’8 e il 12 percento per il nuovo portafoglio di motori. Deutz si è anche posta l’obiettivo di aumentare il fatturato annuo generato dalla sua attività di assistenza ad alto margine a oltre 500 milioni di euro entro il 2025, sia attraverso la crescita organica sia attraverso acquisizioni. All’inizio di maggio 2022 sono state effettuate le acquisizioni di due società di assistenza multi-marca, già precedentemente legate ai motori Deutz, l’olandese Ausma e l’irlandese South Coast Diesels. Il programma strategico appena lanciato mira anche ad accelerare lo sviluppo di soluzioni di propulsione alternative. Alla fine di giugno, un gruppo elettrogeno equipaggiato dal Tcg 7.8 H2 è entrato in funzione in un progetto pilota congiunto tra Deutz e RheinEnergie di Colonia. La combinazione di un motore a idrogeno e di un generatore fornirà energia elettrica fino a 170 chilovolt-ampere durante la fase iniziale di prova di sei mesi. L’elettricità sarà immessa direttamente nella rete elettrica locale. In una seconda fase, verrà utilizzato il calore di scarto del gruppo elettrogeno. Con una potenza di circa 200 kilowatt, il motore a idrogeno è generalmente adatto a tutte le attuali applicazioni Deutz. L’inizio della produzione in serie di questo modello di motore è previsto per il 2024.

Ordini in salita

I nuovi ordini sono aumentati del 4,7 percento rispetto all’anno precedente, superando il miliardo di euro (1,077.6 milioni). Tutte le aree hanno contribuito a questa crescita. Al 30 giugno 2022 gli ordini in sospeso sono saliti a ben 768,9 milioni di euro (30 giugno 2021: 531,3 milioni di euro). Ciò lascia presagire una situazione degli ordini sempre stabile nei prossimi mesi. La percentuale di ordini in sospeso attribuibili al settore dei servizi si è attestata a 36,6 milioni di euro (30 giugno 2021: 35,1 milioni di euro). Avendo venduto un totale di 108.741 motori, il Gruppo Deutz ha aumentato le vendite unitarie del 16,1% nella prima metà del 2022. Le vendite unitarie di motori Deutz sono aumentate del 19,9 percento raggiungendo i 90.462 motori venduti. Le vendite unitarie di motori elettrici per imbarcazioni della consociata Torqeedo sono aumentate leggermente rispetto all’anno precedente, raggiungendo le 18.279 unità (1° semestre 2021: 18.196 unità elettriche). Tutti i principali segmenti hanno generato una crescita significativa, con il sollevamento che ha contribuito maggiormente alla crescita delle unità di vendita in cifre assolute. A seguito della crescita delle vendite unitarie, il fatturato di Deutz è aumentato del 20,8 percento, a quota 930,4 milioni di euro nel periodo in esame.

Deutz 2022

Profittabilità e posizione finanziaria

Nonostante l’aumento delle spese di ricerca e sviluppo, il margine operativo lordo rettificato è migliorato significativamente, raggiungendo i 42,6 milioni di euro nel primo semestre del 2022, rispetto ai 16,8 milioni di euro del periodo precedente. Questo aumento è stato attribuito principalmente alla crescita del volume di attività, alle economie di scala e agli effetti delle misure di risparmio dei costi. L’impatto dei costi aggiuntivi derivanti dalle persistenti strozzature dell’approvvigionamento e dall’aumento dei prezzi dei materiali è sempre più attenuato grazie agli aumenti di prezzo. Tuttavia, l’Ebit rettificato del Gruppo è stato ancora una volta schiacciato dalla perdita registrata da Torqeedo, che non è ancora riuscita a raggiungere il pareggio. Il margine Ebit rettificato ha registrato un forte miglioramento rispetto all’anno precedente, passando dal 2,2 al 4,6 percento. L’aumento dell’ebit rettificato ha comportato un miglioramento dell’utile netto prima delle voci eccezionali a 34 milioni di euro (1° semestre 2021: 14 milioni di euro), mentre l’utile per azione prima delle voci eccezionali è salito a 0,28 euro (1° semestre 2021: 0,12 euro). Il flusso di cassa da attività operative è stato di 14,6 milioni di euro nella prima metà del 2022 (1° semestre 2021: 44,7 milioni di euro). Questa riduzione è stata determinata principalmente dalla necessità di aumentare le scorte per gestire la significativa espansione del volume d’affari e l’allungamento dei tempi di trasporto via mare e per garantire la produzione in una difficile situazione di approvvigionamento. Come conseguenza della diminuzione del flusso di cassa da attività operative, il free cash flow è stato pari a meno 24,7 milioni di euro. Ciò equivale a un peggioramento di 34,4 milioni di euro rispetto al primo semestre del 2021. A seguito dell’utilizzo di una linea di credito esistente per un importo di circa 60 milioni di euro, l’indebitamento finanziario netto è salito a 123,2 milioni di euro al 30 giugno 2022. Ciò equivale a un aumento di 43,5 milioni di euro rispetto alla fine del 2021. Il rapporto di capitale proprio si è attestato al 44,5 percento, rispetto al 45,6 della fine del 2021.

In primo piano

Articoli correlati

Rolls-Royce Power Systems: Stratmann nominato Ceo e Strecker Cfo

Jörg Stratmann è stato nominato Ceo di Rolls-Royce Power Systems. Si unirà a Rolls-Royce il 15 novembre 2022 riportando al Ceo Warren East come parte del più ampio team esecutivo. Separatamente, Andreas Strecker entrerà a far parte di Power Systems come Chief Financial Officer dal 1° dicembre 2022....
News

David Kohler è il nuovo presidente e Ceo

Il consiglio di amministrazione di Kohler ha eletto presidente e amministratore delegato David Kohler, già presidente del consiglio di amministrazione, dopo la morte del padre Herbert V. Kohler, Jr.
News