I Deutz Days 2021 si sono svolti al Coreum, dove Deutz si sente a casa per un paio di motivi. Deutz AG crede fortemente in questo progetto che, peraltro, ha con Colonia il comune denominatore del fiume Reno. A Stockstadt am Rhein, non lontano da Francoforte, Deutz AG ci ha raccontato cosa succede e cosa accadrà nel cortile di casa, animato da applicazioni poliedriche, che spaziano orami dal termico all’ibrido, dal gas all’elettrico fino ai prototipi di alimentazione a idrogeno, anche per gli stazionari.

Attrezzature full electric Hitachi ai Deutz Days 2021

Al Coreum, Deutz ha illustrato le proprie strategie di applicazione della decarbonizzazione e lo ha fatto con elementi tangibili, con sistemi e macchine che abbiamo potuto toccare con mano. Ad esempio, abbiamo visto in un’area appositamente attrezzata all’interno dell’edificio un modello di Hitachi Kteg ZE 85 800V, un escavatore cingolato compatto a emissioni zero, il miniescavatore Hitachi 48V completamente elettrico e la minigru Maeda CC1485 che hanno affrontato il terreno quasi silenziosamente. Forniamo alcune caratteristiche tecniche dell’escavatore elettrico: fino a 4 ore di autonomia; durata della ricarica (alte prestazioni) tramite presa Ccs2: 45 minuti; durata della ricarica (ricarica rapida) tramite spina Cee (63 A): 105 minuti di funzionamento continuo tramite ricarica durante il lavoro. È un 8,5 tonnellate, basato su un escavatore Hitachi ZX 85. Passiamo al miniescavatore Hitachi 48V, una tipologia di macchina che ha trovato altre applicazioni in Germania e sarà tra i primi a convertirsi al full electric: fino a 3 ore di autonomia, con una durata di ricarica di 4 ore tramite spina Cee; funzionamento continuo con ricarica durante il lavoro e prestazioni uguali rispetto al veicolo dotato di diesel.

S-Deutz Telematics

Al termine dell’evento Deutz ha mostrato la propria gestione della flotta. Con S-Deutz Telematics è possibile monitorare l’intera flotta Deutz da remoto, indipendentemente dalla posizione dell’attrezzatura. Attraverso il monitoraggio in tempo reale, si può conoscere in ogni momento lo stato operativo e di servizio di ogni parte dell’attrezzatura, aumentando la produttività e riducendo i costi del ciclo di vita. L’installazione dell’hardware S-Deutz Telematics nella macchina è rapida e semplice e la dashboard online fornisce tutte le informazioni sul motore e sull’assistenza, quando necessaria.

E l’idrogeno…

Infine Deutz ha mostrato moduli elettrici e ibridi e una centrale di stoccaggio e ricarica per celle a combustibile a idrogeno e metanolo. Parleremo presto di questo e di altri aspetti di quanto visto al Coreum.

In primo piano

John Deere e Rama Motori

L'ultra-trentennale sodalizio tra John Deere e Rama Motori si arricchisce del potenziamento di gamma, in ragione del 18 litri, Diesel of the year

Articoli correlati

Un’eco italiana di mobilità

Autopromotec sottolinea l'avanzata della mobilità privata elettrica in Italia. Adiconsum e Anfia la rilanciano al Governo. Il caro combustibili non si arresta
News