Deutz al Conexpo ha attaccato la spina

Deutz al Conexpo ha valorizzato gli alternativi

Deutz al Conexpo

Il telescopico G5-18A di JLG, in collaborazione con E-Deutz

Deutz al Conexpo non si è fatta mancare proprio nulla e ha capitalizzato le sinergie con Torqeedo e Futavis. Che si trattasse di applicazioni elettriche, di sistemi ibridi o di concept a idrogeno, lo stand di Colonia ha registrato il sold-out. Cominciamo da quelle applicazioni ‘carbon-free’ che hanno esordito all’Electrip del 2018, in collaborazione con Liebherr e Manitou.

ELECTRIP: E-DEUTZ, BUONA LA PRIMA!

A Las Vegas  scattato il turno di JLG, con cui ha sviluppato il sollevatore telescopico G5-18A, dotato di un sistema di azionamento compatto a 360 volt. Il dimostratore utilizza una trasmissione composta da due motori elettrici da 40 chilowatt, uno per l’azionamento e un altro per l’idraulica del braccio telescopico. La batteria deriva dal pacchetto modulare E- Deutz e offre 42 kWh di capacità. Il sistema di ricarica da 6,6 chilowatt è in grado di ripristinare la carica della batteria all’80 per cento entro quattro ore.

Il D1.2, appena un anno di vita ed è già ibrido

Da Vegas a Vegas, dal world of concrete del gennaio 2019 al marzo 2020. Nella prima occasione Deutz ha annunciato il frutto della collaborazione con Kukje Machinery: 1,2 e 1,7 litri, l’ingresso del listino Deutz. Il D1.2 ibrido associa un dispari diesel a tre cilindri da 1,2 litri e un motore elettrico a 48 volt ed è stato ingegnerizzato specificamente per l’utilizzo in piattaforme aeree e per applicazioni a basso carico. Al centro dell’attenzione è finito anche un sistema a batteria (e qui c’ lo zampino di Futavis), pronto per la produzione pilota.

FUTAVIS, PRONTI E VIA!

Am non finisce qui, anzi. Si accennava all’idrogeno. La risposta di Deutz è affidata al Tcg7.8H2. Frank Hiller, il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Deutz AG, ha precisato che: «Nell’affrontare la sfida di rendere sostenibili le soluzioni propulsive, teniamo sempre la porta aperta a tutte le tecnologie. Il nostro approccio si basa su combinazioni intelligenti di azionamenti elettrici e motori a combustione interna che offrono il potenziale per essere utilizzati in futuro in modo eco-compatibile (ndr: letteralmente ‘in a carbon- neutral manner’) utilizzando combustibili sostenibili».

Deutz Advanced Configurator

Infine, è Michael Wellenzohn, responsabile delle vendite, dell’assistenza e del marketing, a parlare di digitalizzazione: «Dallo sviluppo del sistema di trasmissione fino a tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto, sosteniamo i nostri clienti in ogni fase del percorso. Il Deutz Advanced Configurator ci permette di progettare un sistema su misura per le preferenze del cliente, ad esempio per quanto riguarda le prestazioni e le emissioni, e Deutz Advanced Repair offre assistenza digitale all’avanguardia per gli utenti finali».

Deutz al Conexpo

Deutz Advanced Configurator

 

 

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio