Cummins farà il punto sulla Destinazione Zero (si intende la produzione di emissioni allo scarico) allo Iaa di Hannover. Salirà in cattedra addirittura Jennifer Rumsey, amministratrice delegata e presidente della multinazionale di Columbus.

Lunedì 19 settembre, la Ceo di Cummins parlerà allo Iaa

È la stessa massima dirigente di Cummins, insediatasi il primo agosto, a entrare nel dibattito. «Con Destination Zero, stiamo lavorando per ridurre le emissioni oggi, avanzando soluzioni basate sui motori e investendo nelle tecnologie giuste al momento giusto, con una profonda comprensione dei nostri clienti, mentre lavoriamo per decarbonizzare il nostro settore in modo ottimale per tutte le parti interessate», ha dichiarato Rumsey. «Abbiamo una profonda conoscenza dei nostri mercati finali e delle nostre applicazioni, ognuna delle quali ha esigenze tecniche, di prestazioni e di servizio uniche. Sappiamo come adattare le tecnologie esistenti e nuove in prodotti che soddisfino le esigenze dei nostri clienti, siano economici e favoriscano la transizione verso soluzioni a zero emissioni».

Cummins ha in canna sette modalità per rendere la decarbonizzazione una pratica virtuosa e non uno slogan. Secondo l’azienda, la prima di queste modalità è la cosiddetta piattaforma agnostica. Cummins presenterà la sua piattaforma agnostica per i carburanti, dimostrando un modo pratico per ridurre le emissioni ora utilizzando una tecnologia che costruttori, gestori di flotte e operatori conoscono bene. La piattaforma agnostica di Cummins è una gamma di motori a combustione interna diesel, a gas naturale e a idrogeno derivati da una base comune. Oltre alla possibilità di ridurre ulteriormente le emissioni con carburanti a basso e nullo contenuto di carbonio come l’olio vegetale idrotrattato, il biometano e l’idrogeno, la piattaforma offre agli Oem un’architettura comune del motore per più tipi di carburante e un elevato grado di comunanza dei componenti.

La prossima generazione di motori diesel

Con una base di quasi 700mila motori Euro VI sul mercato, Cummins intende presentare la sua piattaforma diesel avanzata di prossima generazione, completa di un nuovo sistema di post-trattamento compatto, in grado di rispondere anche al futuro Euro VII. Grazie all’azzeramento degli NOx e del particolato e alla riduzione delle emissioni di CO2, questi diesel avanzati di Cummins riducono le emissioni e migliorano significativamente la potenza e la coppia.

Le vie dell’idrogeno: endotermico e celle a combustibile

Parte della piattaforma agnostica è ciò che potrebbe diventare il passo iniziale per raggiungere le emissioni zero per i produttori di camion medi e pesanti: il motore a combustione interna a idrogeno. Abbinato all’idrogeno verde, questo motore produce zero emissioni di CO2 dal pozzo alla ruota (espressione meglio nota come “well-to-wheel”). Cummins esporrà sistemi propulsivi a idrogeno per impieghi medi e pesanti, evidenziando la capacità della tecnologia di supportare la decarbonizzazione attraverso molteplici cicli di lavoro.

La quarta generazione di celle a combustibile, secondo le intenzioni di Cummins, mostrerà la rapida evoluzione delle nostre tecnologie a zero emissioni. Basandosi sull’impiego di oltre 2.000 celle a combustibile, questo prodotto di nuova generazione offre una densità di potenza, un’efficienza e una durata migliori ed è disponibile in motori a modulo singolo e doppio per veicoli medi e pesanti.

Senza dimenticarsi della elettrificazione

Attingendo alla profonda esperienza nelle applicazioni commerciali per sviluppare le giuste soluzioni per le batterie, Cummins presenterà diversi tipi di batterie, con chimiche, fattori di forma e vantaggi uno diverso dall’altro, tutti testati e convalidati. 

L’ultimo tassello, quello di Meritor, completa il mosaico di Cummins e consentirà di accelerare lo sviluppo di soluzioni di alimentazione elettrificate. Insieme, Cummins e Meritor si spingeranno più avanti e più velocemente nello sviluppo di soluzioni di propulsione decarbonizzate economicamente valide, che faranno progredire la strategia Destination Zero di Cummins. I prodotti Meritor saranno esposti per la prima volta nello stand Cummins alla Iaa.

In primo piano

Articoli correlati

Rampini presenta l’autobus a idrogeno che parla italiano

È costruito e progettato in Umbria il primo autobus a idrogeno completamente made in Italy e a produrlo è Rampini, una realtà imprenditoriale innovativa situata da ottant’anni in provincia di Perugia. La presentazione al pubblico è prevista all’interno di Next Mobility Exhibition (Fiera Milano Rho, ...