Il trasporto marittimo deve diventare più rispettoso del clima e affrontare immediatamente la trasformazione fondamentale necessaria per raggiungere questo obiettivo. Questa è la conclusione dell’mtu Virtual Marine Symposium, la conferenza che ha avuto luogo per la prima volta dal 18 al 20 maggio. La business unit Power Systems di Rolls-Royce ha invitato clienti e partner del mondo degli affari, della politica e dei media a questa conferenza virtuale per discutere il futuro clima neutrale dell’industria navale in conferenze, tavole rotonde e forum.

Chi è intervenuto al Virtual Marine Symposium organizzato da mtu

Più di 2.000 partecipanti da 84 paesi hanno partecipato alla conferenza. «La grande risposta dimostra quanto sia importante il tema del cambiamento climatico e delle soluzioni neutrali per il clima per gli attori dell’industria marittima», ha detto Denise Kurtulus, Vice Presidente Global Marine di Rolls-Royce Power Systems. «Troveremo soluzioni solo insieme, con l’interazione di produttori di propulsione, armatori, cantieri navali e politici. Ecco perché era così importante fornire una piattaforma per lo scambio di tutti gli attori rilevanti con il nostro vertice», ha detto Kurtulus.

Nel suo discorso di apertura, Hans-Otto Pörtner, membro del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici e biologo marino presso l’Alfred Wegener Institute, ha chiarito quanto sia urgente la sfida del cambiamento climatico: «I fatti scientifici parlano da soli: per raggiungere i nostri obiettivi climatici, non sono più possibili compromessi nella riduzione delle emissioni di gas serra. Sulla strada verso la neutralità climatica, abbiamo anche bisogno della cooperazione dell’industria della navigazione. Ma il settore navale è caratterizzato da un’inerzia relativamente grande nella trasformazione necessaria per raggiungere gli obiettivi climatici».

Il ruolo di Rolls-Royce

Rolls-Royce Power Systems ha già chiarito più volte di essere disposta a lavorare con i suoi partner e clienti per sviluppare le tecnologie del futuro e portarle in uso. Sono state discusse soluzioni di azionamento ibride ed elettriche a batteria, celle a combustibile e combustibili sintetici, nonché il ruolo della digitalizzazione e del controllo autonomo per aumentare l’efficienza degli azionamenti.

Dichiara Daniel Chatterjee, responsabile del programma Green and High Tech dell’azienda: «Come parte della nostra strategia futura PS 2030, ci stiamo trasformando da fornitore di motori a fornitore di soluzioni sostenibili integrate. Questo include lo sviluppo di tecnologie future rispettose del clima, in cui investiremo circa 500 milioni di euro in questo decennio».

In primo piano

Fpt Industrial supporta la Biennale di Venezia

Fpt Industrial conferma il proprio impegno nell’ambito della sostenibilità attraverso l’arte contemporanea diventando Sponsor Tecnico del Padiglione Italia alla 59a Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.

WM Technics: tra terra e ghiaccio

Da oltre trent’anni WM Ice Technics sviluppa e produce macchine di alta qualità per la lavorazione del ghiaccio. In tempi più recenti, sotto il marchio di WM Agri Technics, ha avviato la progettazione e costruzione di mini trattori per vigneti terrazzati

Macchine edili autonome al bauma 2022

Lo sviluppo di macchine edili autonome è attualmente tra gli obiettivi principali sia dei produttori che degli istituti di ricerca. Molti aspetti di questo argomento saranno ripresi al bauma, che si svolgerà a Monaco di Baviera dal 24 al 30 ottobre 2022.

Articoli correlati

Nautica e idrogeno

“Potenzialità e sfide per il futuro delle propulsioni green”: questo il sottotitolo del primo convegno dedicato a nautica e idrogeno che si è svolto l’8 aprile presso il Made Competence Center 4.0 nel cuore del Campus in Bovisa del Politecnico di Milano. Il resoconto completo del convegno sarà pubbl...

Rolls-Royce lancia nuovi prodotti mtu NautIQ

Rolls-Royce propone tre nuovi prodotti mtu NautIQ con diversi livelli di supporto intelligente dell’equipaggio, controllo autonomo e capacità di comando remoto. Si tratta di un contributo importante per la sicurezza, l’efficienza e l’impatto zero

Saim sigla accordo con Hydromaster

È stato siglato un accordo fra Saim Marine e Hydromaster per la distribuzione in Italia dei pod e dei thruster azimutali dell’azienda olandese. Hydromaster vanta un’esperienza di sessant’anni nei sistemi propulsivi altamente tecnologici, affidabili e di lunga durata, grazie agli investimenti costant...