FPT Industrial

Cece, la rassegna economica annuale

Il report del Cece prima del Covid-19

Cece, sigla del Committee for european construction equipment. È la voce europea delle associazioni di costruttori di macchinari per il movimento terra e le infrastrutture. Che cosa riporta nel report annuale, precedente quindi il semi-collasso ascrivibile alle misure di contenimento del Covid-19, il famoso ‘lockdown’? Il quadro era a tinte assolutamente rosee. tutt’altro lo scenario che emergerà alla fine del primo quarto del 2020. Sostiene l’Annual Economic Report 2020L’espansione economica nell’area dell’euro è oggi la più lunga mai registrata dall’introduzione dell’euro, ma il suo ritmo è diventato più moderato. La crescita del Pil nel 2019 è stata dell’1,2 percento nell’area dell’euro, in calo rispetto all’1,9 percento del 2018.

ASCOMAC E CANTIERMACCHINE: IL 2018

L’attività economica è ancora frenata dall’elevato livello di incertezza legato alle politiche commerciali, nonché da fattori ciclici e strutturali. La resistenza della crescita economica è stata notevole sullo sfondo del rallentamento globale del settore manifatturiero, innescato da fattori quali le tensioni commerciali globali e i problemi del settore automobilistico. 

Cece

 

Quest’ultimo è concentrato in Germania, dove i problemi dell’industria automobilistica continuano a sussistere. Negli altri grandi paesi dell’area dell’euro, il valore aggiunto lordo del settore manifatturiero è rimasto stabile e negli Stati membri dell’Europa centrale e orientale ha registrato una crescita. L’attività economica nell’area dell’euro è stata trainata dalla spesa per i consumi, riflettendo in parte l’impatto ritardato delle misure governative sui redditi delle famiglie. Anche i redditi delle famiglie continuano a beneficiare dei continui miglioramenti del mercato del lavoro. Ciò include una crescita continua, ma più lenta, dell’occupazione, nonché aumenti salariali e misure fiscali in diversi Paesi. La crescita degli investimenti è rimasta ben al di sopra della crescita del Pil al 3,2 percento nel 2019. Mentre nel terzo trimestre gli investimenti nell’edilizia hanno tenuto duro (0,8 percento q-o-q), gli investimenti non edilizi sono diminuiti (-0,8 percento). 

Il 2020? Sarebbe stato positivo, se non fosse scoppiata al pandemia

Il recente calo degli investimenti in attrezzature è stato in linea con la riduzione dei margini di profitto degli ultimi trimestri, accanto al calo dell’attività manifatturiera e all’incertezza derivante dalle tensioni commerciali. Nel 2020 l’economia dell’area dell’euro dovrebbe tenere duro, con il consumo privato che sosterrà l’attuale slancio di crescita. Tuttavia, gli investimenti in attrezzature sono destinati a rimanere deboli, in linea con le modeste aspettative della domanda interna ed estera. Potrebbe anche essere frenato dal calo dell’utilizzo della capacità produttiva nel settore manifatturiero nel corso del 2019, che ha ridotto alcune delle limitazioni dell’offerta che si erano verificate. In questa fase, non è certo che i minori costi di finanziamento possano continuare a stimolare gli investimenti, dopo essere stati in vigore per diversi anni. L’impatto di altri fattori, quali l’incertezza sulle tensioni commerciali e sui quadri normativi, e le modifiche alle catene di fornitura transfrontaliere, potrebbe aver aumentato la loro influenza. Si prevede che gli investimenti pubblici aumenteranno in modo significativo in diversi Paesi, compresi i trasporti e gli sviluppi delle infrastrutture digitali. In conclusione, il Pil dell’area dell’euro dovrebbe crescere dell’1,2% sia nel 2020 che nel 2021.

ASCOMAC, CANTIERMACCHINE ED ECOMONDO

2020-04-08T12:55:44+02:007 Aprile 2020|Categorie: UOMINI&AZIENDE|Tag: , , , |

Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio