In coerenza con il percorso di trasformazione digitale avviato da oltre un biennio, il Gruppo Carraro ha deciso di fare un ulteriore passo in avanti anche nella narrazione dei propri prodotti in fiera, a partire dal Bauma, e nella relazione a distanza con i propri partner. 

Di qui il fulcro dello stand Carraro al Bauma ha visto la presenza di una dedicata Virtual Reality Room che ha consentito di far entrare tutti i visitatori all’interno di una serie di MetaAmbienti nei quali poter interagire con prodotti e soluzioni “Made in Carraro”. 

Tale Room, oltre a consentire una immersività a 360° ai presenti attraverso appositi visori, ha aperto nuove frontiere anche creando un dialogo a distanza con lo staff Carraro connesso in tempo reale dal centro R&D della sede principale di Campodarsego (Italia). 

Nel vivere questa esperienza davvero unica i MetaNavigatori hanno potuto scegliere il proprio percorso di approfondimento utilizzando le proprie mani, interagendo direttamente con i prodotti in 3D, attivando video e visitando virtualmente anche alcuni scorci delle plant Carraro. 

Al Bauma di quest’anno nello stand di Carraro sono state presentate tre driveline che riassumono ottimamente i bisogni di applicazioni light construction equipment, sia in versione idrostatica sia in versione elettrificata: una specifica per sollevatori telescopici, una per pale compatte e una con una configurazione versatile che bene si può adattare tanto ad un escavatore compatto, quanto ad un sollevatore telescopico o a una pala compatta.

In primo piano

Articoli correlati

Doosan, l’Highest Retained Value Award agli articolati

Doosan si è vista assegnare il prestigioso premio Highest Retained Value Award alla propria gamma di dumper articolati. In particolare il DA30-7 è stato il vero protagonista dimostrando, con il calcolo di migliaia di parametri, di avere il migliore TCO del mercato.