Vanguard Engines & Battery Power 2019/2020 

Ruote da sogno, come quelle che vedete in alto

Vanguard Engines & Battery Power, in altri termini mono e bicilindrici, oltre a un sistema integrato di batterie agli ioni di litio: praticamente un upgrade del portafoglio a 360 gradi. Questo è il contributo dei Briggs&Stratton all’universo OEM ormai al crepuscolo del 2019, emerso durante il Vanguard Engines & Battery Power 2019/2020. Una giornata cominciata con un tuffo nel passato: all’ingresso troneggiava The Briggs&Stratton Flyer, il veicolo biposto equipaggiato nel 1920 da Stephen F. Briggs e da Harold M. Stratton con la motoruota, l’antenato a benzina del motore P.

BENZINA UN’ALTERNATIVA AL DIESEL? ANCHE L’IDROGENO…

Approfondiremo in un secondo momento l’ambizioso progetto delle batterie, peraltro concepite e costruite nello stabilimento integrato nella casa madre, a Milwaukee, in Wisconsin. Gli americani non si limitano a interpretare e anticipare il trend emergente della elettrificazione. All’anteprima di Reggio Emilia, presso la sede di ‘Ruote da sogno’ sono stati svelati i Vanguard 200cc e 400cc e i Vanguard V-Twin Efi (Electronic fuel injection).

Iniziamo dai monocilindrici. Due i driver dell’innovazione: la ottimizzazione dei costi di esercizio e la flessibilità applicativa. Partiamo dal secondo punto. Per lavorare anche a forti inclinazioni, su richiesta è previsto un sistema che rende il motore in grado di funzionare fino a 45° di inclinazione senza perdita di potenza, contaminazione dei fluidi, guasti al motore, fumo o ingolfamento. I produttori di macchinari possono quindi offrire equipaggiamenti più versatili in grado di lavorare dove altri non possono.

Vanguard 200, visto da vicino

Briggs&Stratton detta i tempi del risparmio

Quando si parla di costi di esercizio ci si riferisce ovviamente al cosiddetto Tco che sui Vanguard 200cc e 400cc si riduce sensibilmente, in ragione di una serie di interventi. Il design del nuovo sistema di gestione dell’olio consente agli operatori di dimezzare gli intervalli: il motore opera in maniera efficiente per ben 200 ore tra i cambi d’olio. Si è passati da 6 a 3 filtri aria e da 20 a 10 cambi olio ogni 1.200 ore. Il sistema di filtraggio dell’aria, completamente ciclonico, riduce infatti i tempi di fermo prolungando gli intervalli di sostituzione del filtro dell’aria raccomandati a ben 600 ore.

MICRO-IBRIDO A BENZINA? LO FIRMA VW

In primo piano

Articoli correlati

Wärtsilä verso la decarbonizzazione

Il report presentato da Wärtsilä anticipa che una decarbonizzazione accelerata potrebbe ridurre il costi della produzione di energia elettrica fino al 50 per cento
News

Fpt Industrial partner di Artissima e di Slow Wine

Fpt Industrial, in collaborazione con Artissima, promuove la seconda edizione del Premio Fpt for Sustainable Arts e, nel nome della sostenibilità, affianca Slow Wine per la presentazione della Guida 2022 alle migliori cantine italiane.
News