BorgWarner ha pensieri e fatti anche per l’infrastruttura, parola magica e tormentone di qualsiasi dibattito sulla elettrificazione in Italia.

BorgWarner ha portato Iperion-120 in Italia

Le prime unità della stazione di ricarica rapida di BorgWarner, Iperion-120, sono state installate dalla start-up Route220 sulla rete italiana. Il dispositivo a corrente continua offre vantaggi sia per gli utenti che per gli operatori grazie alle sue opzioni di ricarica rapida, alla facilità d’uso, alla compatibilità, alla versatilità e alla longevità.

«Siamo molto soddisfatti di vedere in funzione la nostra soluzione di ricarica rapida», ha dichiarato Davide Girelli, Vicepresidente e Direttore Generale di BorgWarner Morse Systems. «In qualità di fornitori dell’industria automobilistica, non ci limitiamo a fornire tecnologie innovative per le trasmissioni elettriche, ma supportiamo anche l’industria nel potenziamento dell’intera infrastruttura per la mobilità elettrica, che include la ricarica. Il caricatore rapido in corrente continua Iperion-120 è predisposto per varie applicazioni, in modo da soddisfare le diverse esigenze dei gestori delle stazioni di ricarica, delle aziende di trasporto, delle stazioni di servizio e di altre utenze

Qualche nota tecnica a supporto

Iperion-120 offre la possibilità di ricaricare completamente un’auto in tempi brevissimi a 120 chilowatt o di caricare due veicoli contemporaneamente a una potenza massima di 60 chilowatt ciascuno. Con una tensione di uscita fino a 900 volt, è una soluzione pronta per i veicoli elettrici a 800 volt e per i requisiti di potenza delle batterie di prossima generazione. Altri vantaggi sono dati dall’interfaccia utente personalizzabile, dalla facilità di accesso, dalla gestione intelligente del carico per ottimizzare la carica quando è necessario un secondo veicolo. Gli operatori possono contare sulla compatibilità della soluzione con i protocolli di ricarica standard europei e con i diversi standard di connessione per tutti i tipi di veicoli e configurazioni di spina. Soprattutto, secondo il costruttore, Iperion-120 vanta una durata superiore alla media di oltre dieci anni e può essere utilizzato in ambienti diversi, anche in condizioni difficili, tra cui temperature comprese tra -30° C e 50° C e fino a 4.000 metri di altitudine.

BORGWARNER E AKASOL

In primo piano

Articoli correlati

Rampini presenta l’autobus a idrogeno che parla italiano

È costruito e progettato in Umbria il primo autobus a idrogeno completamente made in Italy e a produrlo è Rampini, una realtà imprenditoriale innovativa situata da ottant’anni in provincia di Perugia. La presentazione al pubblico è prevista all’interno di Next Mobility Exhibition (Fiera Milano Rho, ...