Langley ha completato l’acquisizione del gruppo norvegese Bergen Engines da Rolls-Royce per un corrispettivo di 91 milioni di euro. Inoltre, Rolls-Royce ha trattenuto 16 milioni di euro di liquidità detenuti da Bergen Engines AS.

Il 31 dicembre 2021 Langley ha acquisito formalmente Bergen Engines AS come gruppo autonomo che comprende la fabbrica di motori, l’officina di servizio e la fonderia in Norvegia; la sua capacità di progettazione di motori e centrali elettriche; la sua rete di assistenza globale e filiali in nove paesi.

Nel 2021 Bergen Engines ha generato ricavi per circa 250 milioni di euro con le attività e le passività dell’azienda presentate come destinate alla vendita nel bilancio consolidato di Rolls-Royce Holdings plc. Il gruppo Bergen Engines impiega quasi 950 persone in tutto il mondo, di cui oltre 600 hanno sede presso la sede centrale e gli impianti di produzione vicino a Bergen, in Norvegia.

Bergen Engines: una business unit autonoma

In futuro, Bergen Engines sarà gestita come una business unit indipendente focalizzata, oltre ai suoi mercati tradizionali, sul settore in rapido sviluppo della generazione di energia tramite microgrid, un’area centrale per la strategia net zero di Langley.

Bergen diventerà il fulcro di una nuova divisione Power Solutions, lavorando a stretto contatto con Marelli Motori e Piller Power Systems.

Il Presidente e CEO, Tony Langley, ha dichiarato: “L’acquisizione di Bergen Engines è un passo importante verso i nostri obiettivi net-zero. L’azienda gode di un’ottima reputazione e si sta dimostrando altamente innovativa nell’adattare i suoi motori a combustibili a basse emissioni di carbonio e non fossili. Insieme a ciò, il settore emergente delle microgrid si adatta perfettamente ai nostri obiettivi di sostenibilità a lungo termine”.

In primo piano

Soluzioni Liebherr al bauma 2022

Al bauma 2022 (24-30 ottobre), Liebherr offrirà ai visitatori uno spaccato del mondo dei componenti insieme agli ultimi sviluppi in macchine edili, gru, movimentazione dei materiali e miniere.

Articoli correlati

Deutz e la prima metà del 2022

Deutz registra un miglioramento della redditività nella prima metà del 2022. Gli ordini in corso aumentano a circa 770 milioni di euro. Aumento del fatturato di circa il 21 percento.
News