Assogasmetano affila le armi e rilancia la candidatura del metano a vettore della transizione, con un Position paper che difende a spada tratta il gas metano e, con ancora maggior vigore, in forma liquefatta e di derivazione dalle biomasse. A proposito di gas metano, trovate qui l’accordo tra Fpt e Landi Renzo, e l’avventura di Ngv Powertrain.

Il Position paper di Assogasmetano: linee generali

  • Negli ultimi anni l’uso del metano nel settore dei trasporti si è evoluto e ha avuto due importanti linee di sviluppo: 

           a. L’impiego del metano in forma “liquida” – LNG che ha consentito di sostituire le bombole con i più leggeri serbatoi criogenici e di aumentare l’autonomia dei veicoli, trovando successo nel settore dei veicoli pesanti (autocarri e autoarticolati, con quote di mercato che raddoppiano ogni anno e oggi raggiungono il 4%) e degli autobus a lunga percorrenza.
          b. La diffusione del bio-metano – derivato dagli scarti agricoli e dai rifiuti urbani (Forsu) – che elimina l’emissione di CO2 e il conseguente effetto serra (tipico delle risorse fossili) e garantisce la creazione di una “economia circolare”.

  • Il successo del metano è stato supportato dalle tecnologie e dalla capacità di innovazione delle aziende italiane specializzate nella componentistica che hanno saputo cogliere le opportunità, diventando imprese di grandi dimensioni, competitive a livello internazionale e, in alcuni casi, leader a livello mondiale.
  • Per le principali associazioni di categoria del settore: 

          a. Il metano risulta la miglior soluzione sostenibile applicabile nel breve termine ed in particolare, grazie al GNL, per il trasporto merci a lunga distanza.

         b. Per le auto elettriche, il punto di svolta avverrà quando il loro prezzo sarà equivalente a quello delle auto a combustione interna e le infrastrutture di ricarica avranno raggiunto un’adeguata diffusione.

         c. L’idrogeno potrà essere nel medio-lungo periodo, e soprattutto per il lungo raggio (merci), la scelta strategica dell’Europa nel confronto competitivo globale.

POSITION PAPER ASSOGASMETANO

In primo piano

Articoli correlati

Un’eco italiana nelle parole dell’Ocse

Secondo l'Ocse in Italia le riforme e il sostegno del Governo saranno essenziali per garantire una ripresa più verde, più digitalizzata e in grado di creare un elevato numero di posti di lavoro
News

Come si muove il Gnl in Europa

Il Gnl in Europa guadagna credito e aumenta la diffusione, come dimostrano l'impianto di bioGnl a Marsiglia, con TotalEnergies, e quello di EnviTec, in Germania, con le membrane Evonik
News