Volvo Penta ha partecipato al CES 2021 presentando un sistema di ormeggio assistito completamente integrato (Assisted Docking). Prima di approfondire la conoscenza del nuovo prodotto, però, torniamo all’inizio del 2020, quando il Covid-19 non faceva ancora parte integrante della nostra vita. Un anno fa, infatti, citavamo in questo post la fiera statunitense dedicata all’elettronica di consumo. Sarebbe stata l’ultima edizione fisica della fiera: quest’anno (manco a dirlo) la manifestazione si è svolta su una piattaforma digitale dall’11 al 14 gennaio. Volvo Penta aveva uno stand virtuale e proprio lì si è tenuta la presentazione dell’Assisted Docking System.

Assisted Docking Volvo Penta

Miglior controllo quando c’è da attraccare

Dunque, cosa possiamo dire del sistema di ormeggio ‘intelligente’? Affidiamoci al comunicato ufficiale rilasciato da Volvo Penta. «Il sistema di ormeggio assistito permette al capitano di controllare meglio la fase di attracco di un’imbarcazione automatizzando le sue intenzioni, compensando alcune variabili dinamiche, come il vento e la corrente, e facendo sì che la nave rimanga sulla rotta prevista».

In effetti, l’attracco può essere uno degli aspetti più stressanti e impegnativi della navigazione, anche per i capitani esperti. Le conseguenze di un errore in fase di ormeggio possono essere molto costose, nel migliore dei casi. A differenza di un’auto, infatti, una barca non sta mai ferma senza che sia necessaria qualche manovra. E muoversi in linea retta, in un ormeggio stretto e/o in caso di maltempo, è incredibilmente più difficile che gestire un’auto.

L’Assisted Docking System di Volvo Penta: uno sguardo sul futuro

«L’Assisted Docking System integra un software sviluppato in casa con il sistema di posizionamento dinamico basato su Gps dell’azienda e con gli Inboard performance systems (Ips) per un pacchetto completo che comprende Hmi (interfaccia uomo-macchina) al timone, elettronica attraverso il motore, sistemi di propulsione e sensori, nonché potenza di elaborazione avanzata di navigazione, per un’esperienza molto più semplice, anche in condizioni complicate».

Volvo Penta Ips 1200
Volvo Penta Ips 1200

«Quando abbiamo lanciato la nostra tecnologia joystick nel 2006, le possibilità di manovra e controllo che hanno offerto alla nautica da diporto hanno scosso il comparto: l’innovazione ‘game-changing’ è nel nostro Dna», spiega Anders Thorin, Product Manager Electronics di Volvo Penta. «Dal nostro sistema Electronic vessel control (Evc), che collega e gestisce le comunicazioni interne tra il motore e la linea di trasmissione, il joystick e lo schermo del display in modo che il conducente possa controllare tutto; dal joystick al nostro sistema di posizionamento dinamico (Dps), che mantiene automaticamente la prua e la posizione di un’imbarcazione, anche in condizioni difficili, fino ad oggi con il rilascio del sistema di attracco assistito, facciamo il passo successivo nel rendere più semplice la navigazione».

In primo piano

Articoli correlati

Mtu fa marciare due traghetti Doeksen a tutto gas

Mtu equipaggia con il 16 a gas due traghetti Doeksen. Certo, siamo consapevoli che non si tratti di una notizia in sé per sé, dal momento che Mtu è stata pioniera nella conversione a gas. Protagonista la serie 4000, che ha raggiunto la piena maturità. Ve lo raccontammo cinque anni fa. Mtu Serie 4000...

Man Engines ha messo a punto lo Stage V anche per la navigazione

Man Engines e lo Stage V anche per la navigazione, quella interna, s’intende. Potete salpare e solcare fiumi e laghi, regolarmente certificati Stage V, almeno se sul motore c’è stampato un leone. Ne apprendiamo di più dal comunicato, che vi riportiamo in forma parziale (QUI, invece, il D...